Latina, calciatore di 15 anni accusa un malore e muore in campo davanti la madre

Condividi su:

LATINA – Matteo Pietrosanti è morto durante gli allenamenti della formazione giovanile sul campo San Lorenzo a Priverno, un piccolo comune della provincia di Latina nel Lazio. Il giovane calciatore di appena 15 anni, residente nella vicina Bassiano, si è accasciato a terra sotto gli occhi della madre, dopo aver accusato un malore. Matteo è stato sottoposto per almeno una ventina di minuti a un massaggio cardiaco, ma tutto è stato vano. La causa del decesso potrebbe essere riconducibile ad un infarto. Lo ha riportato ieri il Corriere Adriatico.

Condividi su:

3 thoughts on “Latina, calciatore di 15 anni accusa un malore e muore in campo davanti la madre

  1. Questa notizia è comparsa 35 volte su un centinaio di articolo di google nelle ultime 24, il che è tutto dire…un caso del genere per cause naturali accade ogni 20 anni forse…qui Io invece non mi oriento più, ce ne sono una montagna di casi del genere…in più di 14 mesi di vaccino si è assistito ad uno spettacolo agghiacciante, già così come è adesso.

    Tutto finito?

    Nemmeno per sogno!

    È quella la cosa ancora più grave, sarà un ecatombe se chi di dovere non ferma tutto questo…

    1. @ Antonello – E che cosa vuoi fermare amico carissimo. Questi sieri ormai, stanno nei corpi di chi ha creduto alle fandonie che gli hanno raccontato. E ci sarà un effetto domino diluito nel tempo, ma cadranno tutti, chi prima chi poi, per una semplice e comprensibile situazione di RESISTENZA FISICA.
      Chi ha un sistema di AUTODIFESA IMMUNITARIA più robusto durerà un po’ di più, SEMPLICEMENTE!
      Il paradosso però, sarà che di sicuro i morti ci saranno, ma in una maniera che non rientrerà razionalmente nella normalità perché saranno tantissimi in un arco di tempo non commisurato proporzionalmente al numero di decessi che certamente saranno derivati dalle attuali IN(o)CULAZIONI.
      Giacché capiteranno in tempi lontani dalle IN(o)CULATURE, i criminali che hanno generato questo massacro – su falsi presupposti peraltro -, si tireranno fuori da responsabilità sostenendo la non correlazione tra i LIQUAMI iniettati e le dipartite.
      E questa sarà la più grande INCULATURA, o chiamiamola BEFFA!

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.