La Spezia, ristoratore muore nel sonno a 51 anni: malore fatale

Condividi su:

LA SPEZIA — Tragedia alla Spezia, dove un ristoratore di 51 anni, Maximiliano Vanucci, conosciuto come “Massimiliano”, è morto nel sonno. E’ stata la moglie Sabrina a dare l’allarme, non ricevendo risposta dal marito. Immediati i soccorsi, ma all’arrivo del 118 l’uomo era già morto. Lo scrive www.lanazione.it/la-spezia.

Ed è lutto in città per la famiglia e i tanti amici dell’uomo. Nella serata di martedì ha lavorato regolarmente fino a tardi nel su locale, “I Contadini”, che si trova al parco del Colombaio. Poi è tornato a casa. Nel locale lavorano anche la moglie Sabrina e il figlio Lorenzo, 20 anni. Il locale, frequentato anche dai giocatori dello Spezia, è stato anche sponsor della società. Era un grande appassionato di calcio. Sia il figlio Lorenzo, che gioca come portiere nel Levanto, in Promozione, che l’altra figlia, Alice, in forza all’Under 17 femminile dello Spezia, giocano a calcio. Cresciuto nel quartiere del Canaletto, lavorava da sempre nella ristorazione. Il funerale, a cura delle onoranze funebri Sant’Andrea, si svolgerà sabato 18 alle ore 10 nella chiesa di San Pio X in via dei Colli, quindi la salma sarà tumulata nel cimitero di Marinsaco.

Condividi su:

2 thoughts on “La Spezia, ristoratore muore nel sonno a 51 anni: malore fatale

  1. Covid, scoperta la causa di casi gravi tra vaccinati: colpa degli anticorpi impazziti
    Covid, scoperta la causa di casi gravi tra vaccinati: colpa degli anticorpi impazziti
    Lo dimostra uno studio pubblicato su Science Immunology da un team internazionale formato da Spedali Civili di Brescia, Policlinico San Matteo di Pavia, Ospedale Bambino Gesù di Roma e l’Università di Roma Tor Vergata Si sapeva da un pezzo, ma poi a pubblicarla è stata la repubblica,sti cazzi! https://www.repubblica.it/salute/2022/06/15/news/covid_scoperta_la_causa_di_casi_gravi_tra_vaccinati_colpa_degli_anticorpi_impazziti-354065149/

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.