La Spezia, 65enne muore dopo AstraZeneca: emorragia cerebrale

Condividi!

Il 21 aprile Pietro Corradi, 65 anni, si sottopone a vaccino AstraZeneca. Poche ore dopo iniziano a manifestarsi i primi effetti collaterali: febbre, senso di stanchezza diffuso. Dopo tre-quattro giorni, emerge che l’uomo è positivo al coronavirus e viene ricoverato al Covid hospital di Sarzana. Una settimana fa, il 12 maggio, nonostante le terapie dello staff sanitario, muore a causa di un’embolia. Lo riporta quest’oggi il Secolo XIX.

Nel documento è spiegata in modo dettagliato la cronologia dei fatti: “Gli accertamenti medico-legali dovranno stabilire che cosa è accaduto con precisione, anche perché è vero che probabilmente la dose di vaccino è stata somministrata in concomitanza del contagio o qualche giorno prima o qualche giorno dopo, ma la morte, da quanto denunciano i familiari, è arrivata per un’embolia che potrebbe anche non riguardare il Covid», osserva una qualificata fonte investigativa.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.