La Russa gela Segre: “Suo marito si candidò con il partito della fiamma, l’MSI di Almirante”

Condividi su:

Con tutto il dovuto rispetto per la signora senatrice Segre che stimo, mi permetto di ricordare a scanso di ogni equivoco che la fiamma presente nel simbolo di Fratelli d’Italia -oltretutto senza la base trapezoidale che conteneva la scritta Msi- non è in alcun modo assimilabile a qualsiasi simbolo del regime fascista e non è mai stata accusata e men che meno condannata, come simbolo apologetico. Spero, inoltre, di non essere irriguardoso nel ricordare che il marito della stessa senatrice Segre, che ho personalmente conosciuto e apprezzato, si candidò con Almirante sotto il simbolo della fiamma con la scritta Msi senza ovviamente rinunciare alla sua lontananza dal fascismo“. Così il senatore di FdI Ignazio La Russa (LA SICILIA).

Condividi su:

10 thoughts on “La Russa gela Segre: “Suo marito si candidò con il partito della fiamma, l’MSI di Almirante”

  1. DIO ONNIPOTENTE, TI PREGO, FAI CHE LILIANA SEGRE SI SVEGLI.

    SI SVEGLI, SI SVEGLI, SI SVEGLI, SI SVEGLI, SI SVEGLI …. Onorevole Segre, Senatrice a vita della Repubblica Italiana.

    ———> SE NON SI SVEGLIA, se NON capisce che stiamo vivendo un nuovo Olocausto, se NON lo riconosce, significa che NON è lei. Ma una controfigura di quella bambina sopravvissuta all’Olocausto della Seconda Guerra Mondiale.

    Può sempre tornare sui propri passi, Senatrice, e lottare al nostro fianco. NOI L’ASPETTIAMO A BRACCIA APERTE.

    CREDIAMO NEI MIRACOLI, Liliana.

  2. Come dfirebbe Emilio Fede, che figura di merda.Fà il moralozzo sulla fiamma bandiera italiana ed il marito era del MSI!!!
    Pura ipocrisia e malafede.Lei evidentemente pensava che gli italiani sono tutti rincoglioniti e che la cosa non usciva fuori

  3. Cosa risaputa da anni tra l’altro, almeno da me.
    Un’ebrea che ha avuto un marito di destra suona molto come un controsenso agli ingenui, ma non a chi conosce la vera storia del nazismo e di Israele, per cui la perfida nonnetta con la faccia sempre incazzata farebbe meglio a stare zitta e sparire proprio dai riflettori che alla sua età è ora direi.

    1. A giudicare dal sostegno al regime filo-nazi ucraino e dal fatto che degli oligarchi ucraini come Kolomoiski hanno addirittura finanziato e protetto i battaglioni dalle croci uncinate che facevano e fanno parte integrante dell’esercito ucraino, sembra che non ci sia (piu’) alcun controsenso. Del resto, cos’e’ se non neonazismo quello propugnato dai vari Schwab-Rothchild, Bill Gates Soros, etc. verso la popolazione mondiale?

    2. E questa sarebbe una sopravvissuta all’olocausto? E invece sembrerebbe essere la compagna perfetta per il mattarello… Chiamatemi pure Cupido.😍Ha anche lo stesso sguardo cattivo e tagliente. Predica bene ma razzola non male ma malissimo insomma. Come hanno sempre fatto i pidioti d’altronde… Nulla di nuovo sotto la luce del sole, eh, ai ai… Bravo Ignazio. Gliele ha cantate e suonate a questa arzilla signora… Ora la covidiota gli risponderà: “Potrebbe cambiarsi il cognome, al posto di La Russa potrebbe cambiarlo in ‘La Ucraina’? Per solidarietà a quest’ultima”. 🤣😂Questa mangiatrice a sbafo non dice nulla riguardo i migranti e profughi novax? Ah no, sicuramente le piaceranno. I covidioti hanno proprio la faccia come il deretano e trasudano IPOCRISIA da ogni poro…😌😁

  4. Veramente ha stufato con i suoi predicozzi senza senso , dovrebbe smetterla di cercare di stare sotto i riflettori . Mi pare che sia stata lei a voler mettere la parola INDIFFERENZA al museo dell’olocausto , giusto !
    Ma è proprio lei ad essere indifferente a tutto quello che e’ successo negli ultimi 2 anni e mezzo e in merito alla guerra provocata dai genocidi dei russofoni da parte dei nazisti ucraini e dagli accordi (Minsk ecc.) non mantenuti .

  5. Come al solito le prediche arrivano sempre dai pulpiti piu sporchi!! brutta vecchia megera farai la fine che meriti

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.