Kissinger premia Draghi «statista dell’anno»: “Resta alla guida dell’Italia per il nostro interesse”

Condividi su:

Al momento della premiazione, a partire da Kissinger, le autorità che lo premiavano gli hanno chiesto di restare alla guida dell’Italia nell’interesse di tutti i paesi occidentali. Draghi serve agli stranieri. Non all’Italia. Il conferimento del World Statesman Award 2022 a Mario Draghi è un attestato di fedeltà all’ortodossia globalista: incensato dal miliardario Stephen Schwarzman, CEO e fondatore di Blackstone, seduto al posto d’onore a fianco di Kissinger. Lodando Draghi, Kissinger ha ricordato che la loro amicizia è nata nel 1992, anno fatidico per l’Italia. Nel 1992: il 7 febbraio nasce l’Unione Europea; il 17 febbraio scoppia Tangentopoli; il 2 giugno si tiene la riunione sul panfilo Britannia per svendere l’IRI; il 10 luglio avviene il prelievo forzoso sui CC; il 31 luglio il Governo Amato elimina la scala mobile. Proprio nel 1992 si ebbe l’inizio della fine del nostro Paese.

Condividi su:

14 thoughts on “Kissinger premia Draghi «statista dell’anno»: “Resta alla guida dell’Italia per il nostro interesse”

  1. Non è che questi c’entrano con Falcone e Borsellino?
    Qualche banca d’affari a Nuova York ha appaltato ai correntisti italocosamericani il Bing bang all’italiana? Chissà…

  2. Tra merde schifose e criminali dell’umanità non possono che incensarsi a vicenda, i due Ashkenazi.

    Ma arriva presto il vostro destino.

  3. “Resta alla guida dell’Italia, per i NOSTRI interessi”, ormai non lo nscondono neanche piu’. E non sbagliate, che per “nostri” il vegliardo non intende gli Usa, ma il loro circolo, la cupola mafio-finanziaria. Direi che sia un buon input prima del voto: non votare nessun partito di sistema che abba appoggiato Draghi.

    Ieri il Corriere e Fabio Fazio hanno sdoganato l’appoggio del sistema all’astensionismo. Traetene le conclusioni, o voi del “non andiamo alle urne per mandare un segnale al potere” o, ancor piu’ risibilmente, “per delegittimare il sistema”. Che se ne fa un baffo, forse anche due.

  4. ennesima prova che sto infame pezzo di merda fa parte del deep state usa, ora noi coglioni di italiani che facciamo? nulla?
    qui ci vuole una rivoluzione, sennò sapete cosa ci aspetta l’agenda 2030 che poi è quella draghi (mi fa schifo persino scrivere il nome) che è la stessa del WEF.
    leggete cosa hanno in mente questi pazzi, ermafroditi, figli di grandissime puttane che si debbono girare come trottole nelle tombe.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.