Infarto nel sonno: Massimiliano muore all’improvviso a soli 31 anni

Condividi su:

FROSINONE — Non si è svegliato dopo il riposo pomeridiano. A trovare oramai senza vita Massimiliano Di Rezze, giovane di 31 anni, sono stati i familiari che hanno dato l’allarme all’Ares 118 ma purtroppo senza speranza. La tragedia ieri sera a Casalvieri (Frosinone), piccolo borgo della Valle di Comino dove l’uomo, un operaio stimato e ben voluto da tutti, viveva.

Sportivo, allegro, gioviale, generoso, Massimiliano Di Rezze potrebbe essere stato stroncato da un arresto cardio circolatorio. Un malore subdolo che non gli ha lasciato scampo. Decine i messaggi di cordoglio e di disperazione pubblicati sulla sua pagina social. Per capire meglio le cause del decesso si sta ora valutando l’ipotesi di poter eseguire l’autopsia. In casa di Massimiliano Di Rezze, oltre che il personale dell’Ares 118 sono arrivati anche i carabinieri della Compagnia di Sora che dovranno svolgere accertamenti di routine ma necessari a chiarire le cause di una morte tanto improvvisa quanto drammatica. Lo scrive l’agenzia di stampa www.frosinonetoday.it.

Condividi su:

3 thoughts on “Infarto nel sonno: Massimiliano muore all’improvviso a soli 31 anni

  1. L’arresto cardiocircolatorio non è uno dei possibili effetti avversi dati da questi cacchini sperimentali covid-19? L’autopsia non darà chissà quali risposte, anzi… Confermeranno soltanto l’infarto… Dovrebbero piuttosto vedere se il ragazzo aveva il sangue a grumi alla stregua della marmellata di fragole… Perché molti covidioti cacchinati, soprattutto quelli cacchinati con 2/3/4 dosi per intenderci, hanno il sangue a grumi e sono più a rischio di possibili arresti cardiaci… È uscito uno studio in merito, forse dalla Florida… I giovani maschi sono a rischio, hanno notato molti arresti cardiaci tra i cacchinati e sono stati esentati da farsi iniettare altre dosi di merda liquida… E comunque non è giusto, da me non sono morti soltanto uomini dopo le dosi di vaccini sperimentali covid-19, eh. Insomma, le donne sono discriminate anche in questo caso… Oltre al fatto che non riesco a trovare lavoro, vengo chiamata pure puttäna, ecc. Che tristezza… Tornando al povero ragazzo, magari potrebbero sottoporre il corpo a qualche altro esame più specifico, che ne so… Quelli consigliati ai covidioti lobotomizzati e ritardati s’intende… Strano che un ragazzo così giovane poi possa morire così, da un giorno all’altro… Boh. Non sembra vero, oggi ci siamo e domani chissà… Inutile ostentare marche griffate, lusso, ecc, se poi è tutto inutile, nell’aldilà non porteremo proprio niente… Trovo che sia a dir poco sospetto che stiano morendo così tanti giovani… Dopo il ricatto del greencazz qualche dubbio lo considero lecito… Ma potrebbe anche essere stato un fumatore…

    1. Non si è mai detto però, e mi par vero, che un morto all’improvviso per MALORE FULMINANTE, COME ACCADE OGGI dopo LA “CACCHINAZIONE”, sia morto perché FUMATORE!
      È indiscusso che le “Bionde Fumanti” siano elementi dannosi per la salute, ma non esiste un periodo, né casi citati, neanche sporadicamente, di morti SIMILI ALLE MIRIADI ORMAI DI QUESTE CONTEMPORANEE MORTI improvvise, derivanti invece dalle sigarette.
      Massimiliano, oltretutto, pure se fosse stato un fumatore, era comunque un GIOVANISSIMO 31enne, e per la sua età non potrebbe aver accumulato tantissime tossine tra nicotina, catrame, il fumo della carta, la concia del tabacco e l’altissima temperatura della brace e del fumo stesso, che avessero potuto lasciarlo STRAMAZZATO PER TERRA all’improvviso come tantissimi IN(o)CULATI, e chiudere il “suo cerchio vitale”!!
      Per mio conto quindi, la dipartita di questo giovane, senza se e senza ma, quale unica “causa” di morte, potrebbe essere addebitata a Massimiliano la colpa per la superficialità con cui si sarebbe sottoposto all’inoculazione, sempre però, che non abbia dovuto per ragioni di sopravvivenza, cedere ai massacranti e INCOSTITUZIONALI RICATTI CRIMINALI DI CONTE 1 – CONTE 2 – DRAGHI E SPERANZA!

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.