Prodi: “In Italia ci servono più immigrati, ce ne sono pochi”

Condividi!

“Siamo il Paese con la più bassa natalità del mondo: è un segno di stanchezza e disagio collettivo”. È l’analisi dell’ex premier Romano Prodi, che ieri era ospite del Festival della Migrazione di Modena organizzato in forma virtuale. In Italia, ha continuato il Professore, ci sono “5 milioni di stranieri, l’8 per cento della popolazione, un numero calato di 500mila rispetto al 2015: è chiaro, dunque, che chi parla di invasione lo fa con motivazioni politiche“. Lo riporta oggi Libero Quotidiano.

L’idea del Professore è la solita: “Nel 1948 avevamo in Italia 45-46 milioni di abitanti, contro i 60 di oggi: allora nacquero più un milione di italiani, e oggi 400.000. È un trend più marcato rispetto a quelli di altri paesi europei. Per andare oltre queste contraddizioni, minimizzare le paure e riportare le cose nella loro realtà abbiamo bisogno di un centro di analisi complessiva, per dare risposte concrete”, ha spiegato.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.