Il compagno Landini gira l’Italia con l’auto blu padronale: la scelta del sindacalista Cgil

Condividi!

Due Audi A6, nere, nuove di zecca a sua disposizione per girare l’Italia dalla Fiat all’Ilva passando per la Whirlpool di Napoli. Non si può certo dire che manchi di buon gusto e senso estetico visto che auto del genere sono, oltre che di prestigio, anche molto eleganti. Un gran bel regalo di Natale o di buon auspicio per il 2021, visto che i bolidi sono stati consegnati in Corso Italia, sede nazionale della Cgil, proprio nei primi giorni dell’anno. Un dono recapitato a Maurizio Landini, numero uno del sindacato più grande d’Italia, ma che fa pensare parecchio. Era proprio necessario un’auto padronale? Una sorta di status symbol poco c’azzecca con il leader della Cgil, con un passato nella Fiom e che tutti abbiamo imparato a riconoscere anche grazie alle coloratissime felpe che indossava precorrendo persino la moda salviniana. E che ora, invece, si è voluto concedere persino un’auto blu. Segnando un deciso cambio di passo rispetto al passato. Forse stavolta Landini ha sbagliato però modi e tempi.

L’accostamento auto padronale/sindacato stride. E farà di certo storcere il naso a molti iscritti che quando l’attenderanno davanti ai cancelli delle fabbriche lo vedranno scendere dalla stessa identica auto del padrone. «L’abbiamo fatto ora perché i contratti erano in scadenza. Le due Passat (Volkswagen, ndr) avevano già sei anni e 350mila km visto che viaggio molto» mette le mani avanti Landini parlando a Libero, «abbiamo valutato 4 offerte» aggiunge, «ci hanno consigliato Audi perché ci fa anche risparmiare soldi rispetto a prima».

Ma nel giustificarsi il segretario dimentica quel piccolo dettaglio dell’auto blu, in carico alla Cgil. Landini avrebbe potuto scegliere qualsiasi auto, ci mancherebbe: un modello solido e duraturo, con una buona cilindrata, ma un’auto padronale è una svolta di non poco conto. E ci chiediamo come lo giustificherà ai lavoratori dell’Ilva di Taranto, città in cui, tra l’altro, non è mai andato da quando è segretario, e che parole userà davanti ai cancelli della Whirpool di Napoli con gli operai che, a meno di colpi di scena, saranno presto lasciati senza nemmeno la Cassa Integrazione. Così Libero Quotidiano.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.