Green Pass rafforzato, Galli deluso: “È stato un errore farlo saltare. Bisognava mantenerlo”

Condividi su:

Un errore far saltare il Green pass rafforzato. Potevamo e dovevamo riaprire mantenendo il certificato verde. E anche il ritorno al lavoro, per particolari categorie, come gli insegnanti, si poteva fare diversamente, anche valutando, caso per caso, la presenza di risposte anticorpali. Ma certo non cancellando tutto dalla sera alla mattina. Così hanno vinto i no vax e abbiamo ridotto, in maniera significativa, l’incentivazione alla vaccinazione”. E’ quanto ha detto Massimo Galli, ex direttore di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano. Lo scrive il Giorno.

“In questo quadro ultimamente di vaccinazioni se ne vedono ben poche, in particolare tra bambini e adolescenti. Rimango del mio parere: sarebbe stato assai opportuno mantenere il Green pass rafforzato. Purtroppo buona parte dell’Europa ha preso la stessa decisione in un momento in cui non era il caso di prenderla, tanto è vero che è partita un’altra piccola ondata legata ad Omicron 2“, ha sentenziato.

Condividi su:

6 thoughts on “Green Pass rafforzato, Galli deluso: “È stato un errore farlo saltare. Bisognava mantenerlo”

  1. Questo “emerito” professore, salvato dai monoclonali, conferma che la tessera verde è solo una misura di controllo e non sanitaria. Che faccia il pensionato, non sentiamo la sua mancanza.

  2. Se i no vax, come li chiami tu, caro Gallinella, avessero vinto davvero, queste parole le avresti pronunciate a testa in giù in un piazzale milanese a piacere.
    Monaclonale che non sei altro.

  3. Youtube sta censurando pesantemente gli interventi di Luca Teodori e del movimento 3V, che magari sono effettivamente più scomodi degli altri…

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.