Green Pass obbligatorio pure per sostenere gli esami da casa: il Covid si trasmette via schermo?

Condividi!

di Antonio Amorosi – Sul sito del ministero dell’Università e della Ricerca, viene pubblicato un vademecum su come applicare il decreto che rende obbligatorio il Green Pass negli Atenei e che varrà anche per sostenere gli esami da remoto. Il titolo è “Green Pass obbligatorio per attività in presenza per Università e Afam”. Quindi è obbligatorio il Green Pass per le attività in presenza? Non proprio, varrà anche per chi deve sostenere gli esami da casa, è scritto esplicitamente. E lo si comprende andando a spulciare il vademecum (pagina 26) che il sito del ministero pubblica online. Una discriminazione bella e buona e senza alcun senso scientifico.

Forse il virus si trasmette anche via schermo? A noi non risulta. E non c’è traccia di tale ipotesi in nessuna ricerca scientifica mondiale (sic!). L’Università degli studi di Trieste scrive così a pagina 26: “In tutti i casi, sia che gli esami siano svolti in presenza o da remoto, gli studenti sono tenuti al possesso della certificazione verde o di analogo documento previsto nel presente Protocollo. I docenti della commissione d’esame hanno titolo e sono tenuti a verificare, anche a campione, il possesso della certificazione verde, in formato digitale o cartaceo, la cui validità può essere verificata mediante l’applicazione VerificaC19 del Ministero della Salute. Nel caso di esami svolti da remoto, le disposizioni indicate nel paragrafo precedente si applicano a partire dal 3 ottobre 2021”. Quindi anche per svolgere gli esami da remoto è obbligatorio il Green Pass. Il documento integrale è consultabile qui.

Una dozzina di docenti, un gruppo di dipendenti e un centinaio di studenti universitari di Palermo si sono dichiarati contro l’obbligatorietà del Green Pass all’Università. “Non siamo contro il vaccino e non chiamateci no vax”, ha spiegato alla pagina locale de La Repubblica il professore associato di marketing alla facoltà Economia dell’Università di Palermo Gandolfo Dominici, “il vaccino non previene i contagi, soprattutto con la variante Delta, come dimostrano gli ultimi dati, le notizie da Israele e le stesse dichiarazioni dell’infettivologo americano Fauci: il tampone è molto più sicuro e chiediamo che sia gratuito per chi deve accedere all’Università”. Ma sembra che il governo non abbia alcuna intenzione di seguire questa strada. Molto più facili le misure autoritarie: meglio il Green Pass nella versione italiana, che da strumento europeo per evitare il contagio e favorire i trasporti si è trasformato in mezzo dispotico, come hanno scritto i filosofi Massimo Cacciari e Giorgio Agamben.

Condividi!

5 thoughts on “Green Pass obbligatorio pure per sostenere gli esami da casa: il Covid si trasmette via schermo?

  1. Pare fatto apposta per “schedare” gli studenti, cioè per sapere chi è stato vaccinato (e quindi ha il lasciapassare verde) e chi no, anche se non entrano in Università.

  2. INTANTO, SI CONTINUA A MORIRE (come purtroppo segnala questo utente Twitter). MA E’ SOLO UNA GOCCIA, NELL’OCEANO DI DECESSI CHE SI STANNO VERIFICANDO A CAUSA DEL SIERO GENICO.

    giorgio barbera – @Coconuttss66

    Bangkok.
    Oggi ci ha lasciato il papà di mia moglie, 70 anni,15 ore prima si era vaccinato.

    CHE TRISTEZZA…

  3. COVID, ARRIVANO I GRANDI DEL G20 E IL GREE-PASS NON BASTA PIU’: TAMPONE OBBLIGATORIO PER GLI ACCREDITI “…media representatives are required to show a negative rapid antigen test, carried out within 48 hours…”

    “Una misura che di fatto supera la normativa italiana sul green pass … perché a detta della letteratura scientifica il vaccino anti covid NON esclude la possibilità di contagio, ne RIDUCE SOLO la probabilità…”.

    https://www.genova24.it/2021/08/covid-arrivano-i-grandi-del-g20-e-il-green-pass-non-basta-piu-tampone-obbligatorio-per-gli-accrediti-273174/

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: