Green Pass, Bassetti confessa: “Speranza non lo elimina solo per motivi politici, non sanitari”

Condividi su:

Dobbiamo tirare una riga. A fine marzo avremo un 95% di popolazione guarita o vaccinata, quindi dal 31 marzo basta al green pass”. Matteo Bassetti ha spiegato che adesso il certificato è uno strumento inutile, visto che doveva servire a far vaccinare le persone e sarebbe riuscito nell’intento: “Dalla sua introduzione abbiamo guadagnato il 30% di vaccinati in 5 mesi”. Lo riporta altrarimini.it.

Che senso ha mantenere questo strumento? Anche chi ha il Green pass è stufo di questo strumento”, ha detto l’esperto ai microfoni di Radio Cusano Campus. Nel caso in cui si decidesse di mantenere il pass, si tratterebbe secondo Bassetti di “una decisione politica, non sanitaria”. Parlando del nuovo vaccino Novavax, l’infettivologo non si è detto molto ottimista sull’ipotesi che possa convincere i più restii a vaccinarsi: “Non si vaccinerà nessuno o in pochissimi anche se non è un vaccino mRNA ma proteico”.

Condividi su:

3 thoughts on “Green Pass, Bassetti confessa: “Speranza non lo elimina solo per motivi politici, non sanitari”

  1. Questa vergogna italica propone vaccino obbligatorio, ti credo che poi non gli serva più il GP. Un po’di onestà, così per caso, no?

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.