Giuristi: “Governo non rispecchia la volontà degli italiani. Servono nuove elezioni”

Condividi su:

Di prof. avv. Augusto Sinagra, prof. Daniele Trabucco e avv. Filippo Borelli — Il Movimento 5 Stelle, con la sua squadra di ministri, si sta dissolvendo come neve al sole pur costituendo il partito di maggioranza relativa a seguito del risultato delle elezioni politiche del 04 marzo 2018. Ora, al di là del rispetto delle norme costituzionali in occasione della formazione dei Governi Conte II (2019) e Draghi (2021) e, dunque, della loro legittimità, è innegabile, dopo diverse tornate elettorali che l’Esecutivo attualmente in carica si sta reggendo su un movimento politico delegittimato in seno al corpo elettorale e, più in generale, all’interno dell’opinione pubblica.

Visto questo “enorme fossato” che separa rappresentanza politica e rappresentatività, ci chiediamo con quale coraggio questo Governo continui ad operare. Non si tratta di un problema giuridico, ma politico e ci pare che nessuno intenda affrontarlo. Eppure, sulla base di questa delegittimazione, si sono adottate tutte le misure che conosciamo in merito all’emergenza sanitaria di rilievo nazionale (vaccinazione, certificazione verde Covid-19 ecc.), si è deciso l’invio di armi alla Repubblica di Ucraina, portando di fatto il nostro Paese ad essere un co-belligerante quando poteva svolgere un ruolo di mediazione come sta facendo per esempio la Turchia.

Nella situazione descritta il Presidente della Repubblica (è un’ipotesi di scuola) potrebbe anche sciogliere anticipatamente le Camere, sentiti i loro Presidenti, ex art. 88 del Testo costituzionale vigente, ma certamente non opterà per tale soluzione. Questo dovrebbe farci riflettere, nonostante la questione sempre aperta della legge elettorale, sia sulla possibile modifica della nostra forma di Governo (siamo fautori del modello presidenziale), sia sulla necessità di costruire una valida alternativa politica di fronte al fallimento conclamato del quinquennio di legislatura (2018-2023).

Condividi su:

8 thoughts on “Giuristi: “Governo non rispecchia la volontà degli italiani. Servono nuove elezioni”

  1. Ma quando mai…. da quando un politico oltre quelli della prima repubblica e … non sempre, ha fatto gli interessi Italiani?
    Poi votare chi? L’oppofinzione? la compagine governativa al soldo di banche e dei potenti?
    Già nel 2018, era chiarissimo che il m5s, era un partito fantoccio cui gli italiani senza arte ne parte, non hanno speso due minuti a fargli le pulci.
    Manco leggere in materia di vaccinazioni cui loro avevano già allora scritto a caratteri cubitali che erano favorevoli.
    Se lo facevi notare, eri uno contro il movimento..
    Poveri bacucchi italiani, manco leggersi le loro note.

    1. ” era chiarissimo che il m5s, era un partito fantoccio cui gli italiani senza arte ne parte?”
      1) ci dici per chi hai votato, per chi voti e perchè?
      2) ci dici per chi dobbiamo votare la prossima volta e perchè?
      chiedo per un’amico essendo tu evidentemente più intelligenti degli altri.

    2. ” era chiarissimo che il m5s, era un partito fantoccio cui gli italiani senza arte ne parte?”
      1) ci dici per chi hai votato, per chi voti e perchè?
      2) ci dici per chi dobbiamo votare la prossima volta e perchè?
      chiedo per un’amico essendo tu evidentemente più intelligenti degli altri.

      1. siamo all’inferno, non votare, non votate più. La cacchina è globalizzata, gli avatar del maligno ovunque. Lo vedi l’albero? ha frutti marci. Non sei in paradiso.
        Arriva la fine dei tempi.. . il giudizio per inferi …e se scegli il metaverso sarai dannato per sempre. Ti piace questo gioco? pregate, aprite gli occhi e sperate di non essere già nel metaverso…

  2. “Pronti a usare la forza”: la Russia convoca l’ambasciatore italiano e Ue. Rischio escalation alle stelle. La tensione in queste ore, come raccontato da Il Tempo, è salita alle stelle dopo che la Lituania ha deciso di fermare i treni con le merci colpite dalle sanzioni dell’Unione europea. Il blocco imposto all’esportazione di una serie di merci da e per l’enclave russa di Kaliningrad rischia di scatenare la crisi nella crisi e Mosca minaccia Vilnius: “Pronti a usare la forza se bloccate Kaliningrad”. La paura è quella di una ritorsione violenta. A conferma del clima incandescente, il ministero degli Esteri russo ha convocato l’ambasciatore dell’Unione europea a Mosca Markus Ederer e quello italiano Giorgio Starace. “È una situazione che può essere risolta con mezzi diplomatici. L’ambasciatore dell’Unione europea in Russia sarà convocato al ministero degli Esteri e gli verranno comunicate le condizioni”. https://www.ilparagone.it/attualita/pronti-a-usare-la-forza-la-russia-convoca-lambasciatore-italiano-e-ue-rischio-escalation-alle-stelle/

  3. Votare, ma non ci pensate nemmeno, in Italia gli italiani siamo inaffidabili, codardi, e leccaculo seriali. Molti ancora hanno fiducia nelle istituzioni e nelle case farmaceutiche 74% dei merdosissimi italiani. Meglio estinguerci.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.