Giornalisti in fuga dalla Russia, Sinagra: “La paura fa novanta ai mentitori di professione”

Condividi su:

di prof. Augusto Sinagra – La paura fa novanta quasi come il posto che nelle classifiche internazionali ha l’attendibilità e la veridicità dell’informazione pubblica italiana. Con recentissimo provvedimento della Duma russa (la Duma non è Putin) è stata stabilita la perseguibilità penale e la condanna fino a 15 anni di reclusione per i giornalisti russi e stranieri che diffondono notizie false.

Repentinamente a seguito delle inevitabili contrazioni sfinteriche causate dal detto provvedimento russo, i giornalisti dei canali RAI e Mediaset, oltre che La7, hanno fatto rapido ritorno in Italia visto cosa ora può accadere a chi racconta balle soprattutto a proposito degli eventi militari in Ucraina dove i nostri operatori della disinformazione hanno raggiunto vette ineguagliabili: scene di film fatte passare come riprese di eventi accaduti in Ucraina, ovvero filmati autentici ma di fatti ed eventi accaduti anni addietro e in altri contesti di guerra, sono stati contrabbandati come eventi in corso in Ucraina. E naturalmente i russi vengono presentati come feroci aggressori assassini e gli ucraini come frequentatori di educandati salesiani. È proprio vero che la paura fa novanta e i mentitori di professione sono stati messi in fuga.

Condividi su:

12 thoughts on “Giornalisti in fuga dalla Russia, Sinagra: “La paura fa novanta ai mentitori di professione”

  1. La RAI andrebbe indagata per il reato penale di abuso della credulità popolare poichè nasconde la verità sui veleni mortali obbligatori e sulla Russia.

    Tuttavia ancora piu’ grave è vedere un grande statista come Putin deumanizzato appositamente dai burattini degli usurai e da una nullità come Di Maio, persona indegna che dice che Putin è peggio di un animale e lo fà da Ministro degli esteri, cioè da colui che rappresenta il paese formalmente!E Draghi non lo caccia a pedate, mostrando la stessa mancanza di dignità.Nemmeno Mattarella si è espresso su questa dichiarazione di Di Maio che cancella la nostra passata civiltà’ di popolo italico.

    Ricordiamoci, anche se i media lo nascondono, che le sanzioni alla Russia sono fatte solo da stati che rappresentano meno del 20% della popolazione mondiale!! Paesi enormi non hanno sanzionato e parliamo di Cina,India;Pakistan,Iran,Turchia,Messico,Brasile Argentina, come anche un centinaio di altri paesi. I nostri traditori locali stanno quindi lavorando per distruggere definitivamente l’economia italiana che dopo i danni covid alle imprese e lavoratori vivacchiava ancora un minimo anche grazie alla Russia.L’ obiettivo è la decrescita felice degli usurai, il cui slogan è non avrai niente e sarai felice(si prendono tutto loro)

    1. è colpa del gregge che segue la rai/merdaset/lasetta. tutti contenti a vedere SballandoconleStalle, il grandefardellovip, ecc. il teledipendente è mediamente un minus habens che pensa solo a se stesso e si beve, e si siringa, qualsiasi caxxata propalata che si uniformi alla sua misera vita.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.