Gela, docente 37enne morta per trombosi dopo AstraZeneca: “Non c’è correlazione”

Condividi!

Non furono le negligenze dei medici a causare la morte di Zelia Guzzo, insegnante di 37 anni, tre settimane dopo la somministrazione del vaccino anti-covid. Almeno così è secondo la procura di Gela che ha chiuso le indagini. “Non ci sono correlazioni di rilievo penale” tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca e la morte dell’insegnante di Gela, Zelia Guzzo, di 37 anni, “imputabili a medici o sanitari che hanno avuto in cura la donna”. Ecco perché la Procura di Gela, come apprende l’Adnkronos, ha chiuso l’inchiesta e chiesto l’archiviazione del procedimento penale nei confronti di ignoti per omicidio colposo.

La donna, secondo i primi accertamenti medici, sarebbe stata colpita da trombosi ed emorragia cerebrale. A Caltanissetta aveva subìto un delicato intervento di neurochirurgia. I medici avevano provato tamponare l’edema, ma per la donna non c’era stato nulla da fare dopo 13 giorni di ricovero. La donna non aveva malattie pregresse. Lo riporta il Giorno.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.