Francia, il dolore di una mamma: “Mio figlio di 18 anni in fin di vita dopo il vaccino”

Condividi!

FRANCIA – Pochi giorni dopo aver ricevuto la prima dose Pfizer, il diciottenne Quentin Caron è stato ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Narbonne. L’8 luglio, sua madre Céline Caron pensava di perdere il figlio di 18 anni. Vaccinato contro il Covid con una prima dose di Pfizer, Quentin lamenta mal di testa e dolori al petto. Dopo 4 giorni di dolore crescente, sua madre decide di portarlo al pronto soccorso. Resterà 8 giorni in ospedale, di cui 3 in terapia intensiva.

Come racconta la madre a France3, “Quentin si è lamentato del dolore, ci è stato detto che potevano essere effetti collaterali del vaccino. Stava giocando con suo fratello poche ore prima che lo portassi al pronto soccorso. Se avessimo aspettato fino al giorno successivo, poteva non essere qui oggi. Una volta all’ospedale di Narbonne, la diagnosi riporta: miocardite”. Secondo il referto medico, che France 3 ha potuto consultare “l’imputabilità del vaccino è fortemente sospettata”.

Era un giovane in perfetta salute e molto atletico. Oggi è molto stanco, e anche molto scioccato. Quando ti sfiora la morte a 18 anni, lascia segni“, racconta sua madre, di mestiere insegnante. Da 3 mesi il giovane è in cura e deve evitare qualsiasi attività che metta troppo a dura prova il suo cuore. Arrabbiata e preoccupata, Céline Caron spera che la sua testimonianza possa impedire che questa situazione si ripeta. “Ci viene detto che i giovani devono essere vaccinati, ma dovremmo essere sicuri che ci sia meno rischio nel vaccino rispetto al Covid stesso per questa fascia di età. E oggi non è così”, attacca l’insegnante di cui ora si parla in tutta la Francia.

Condividi!

One thought on “Francia, il dolore di una mamma: “Mio figlio di 18 anni in fin di vita dopo il vaccino”

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: