Estate 2022, oltre 20mila morti in più in Unione Europea: danno la colpa al ‘cambiamento climatico’

Condividi su:

Il caldo da record dell’estate 2022 ha lasciato dietro di sé una spaventosa scia di morte: sono oltre 20mila le vittime nella sola Europa occidentale, secondo un calcolo del quotidiano britannico Guardian. I dati sono stati ottenuti analizzando le morti in eccesso, ovvero la differenza tra il numero di decessi e la cifra prevista in base alle tendenze storiche, un processo usato per calcolare anche le vittime della pandemia di coronavirus. I decessi per Covid-19 sono stati esclusi da questo calcolo. Così il quotidiano del Ticino.

L’Office for National Statistics britannico ha rilevato che tra il 1° giugno e il 7 settembre sono stati registrati 3.271 decessi in eccesso, con un aumento del 6,2% rispetto alla media quinquennale. I dati diffusi da Santé Publique France mostrano invece che, durante i mesi estivi, i decessi in eccesso in Francia sono stati 10’420. Un quarto di queste morti risale a una delle tre ondate di caldo intenso e nelle regioni dove era stata diramata un’allerta rossa le morti in eccesso sono cresciute del 20%.

L’istituto sanitario statale spagnolo Carlos III stima in circa 4650 i decessi attribuibili al caldo, mentre sono poco meno di 4500 le vittime del meteo estremo in Germania, secondo Il Robert Koch-Institut. Secondo il World Weather Attribution, le temperature ben al di sopra dei 40 gradi in molte località sarebbero state «virtualmente impossibili» senza il cambiamento climatico in atto.

Condividi su:

7 thoughts on “Estate 2022, oltre 20mila morti in più in Unione Europea: danno la colpa al ‘cambiamento climatico’

  1. Tra un po per coprire i morti in eccesso da siero ci diranno anche che :
    Gli ASINI VOLANO usando le orecchie !
    By By Pressistute !!!!!!!!

  2. Credono che siam tutti scemi, no, merde, vi sbagliate di grosso, puttane climatiche. Non sanno più che favole inventarsi per occultare la strage da sieri. Complici.

  3. Qui Italia… come mai queste morti da caldo no si verificarono in estate 2003 di gran lunga estate più calda di almeno ultimi centocinquant’anni?… a Torino per esempio si raggiunsero temperature mai sfiorate in precedenza ed in anni seguenti di 43° e la colonnina di mercurio non scese mai sotto 30° di massima per oltre quattro mesi… da 25 di maggio sino a 1 di ottobre!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  4. questo inverno se finisce il gas avranno di sicuro la scusa per attribuire altri 10k morti al freddo, e in sostanza al “cambiamento climatico”. Gia’, perche’ per un po’ di anni lo chiamavano il “riscaldamento globale”, ma dopo qualche stagione glaciale meglio fare leva sul cambiamento, che non vuol dire un cazzo, il clima cambia di continuo e i macrocicli piu’ importanti e lunghi all momento sono dovuti alla attivita’ delle macchie solari.

  5. Da cambiamento climatico, si passa dal calore al freddo…
    Ovviamente gli imbecilli corrono ad abbeverarsi a tale stronzate.
    Usare il cervello no?

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.