Ecco il programma del Pd per il Governo Draghi: “Più immigrati e Ius Soli”

Condividi su:

Il programma del Pd per il Governo Draghi: 1) adozione di un nuovo testo unico sull’immigrazione che superi la Bossi-Fini, ormai datata e dagli effetti dannosi; 2) Approvazione in via definitiva del disegno di legge sullo Ius Culturae; 3) Sviluppo di un modello di accoglienza diffusa, capace non solo di offrire i servizi essenziali ma adeguata formazione linguistica e inserimento professionale, come indicato dal recente decreto immigrazione che ne affida al SAI (sistema accoglienza e integrazione, già SPRAR) la regia: piccoli gruppi accolti in strutture anche esse piccole, gestite in rete con gli EE.LL., il terzo settore e le realtà solidali e produttive del territorio, con le Regioni coinvolte sia nella programmazione della ripartizione che nelle attività formative professionali e nella gestione dei servizi sociosanitari; 4) Istituzione di un’Agenzia sul modello tedesco che coordini le politiche sull’immigrazione, comprese quelle all’accoglienza, ancora oggi ripartite tra diversi ministeri.

C’è un capitolo del programma sull’immigrazione che è una dichiarazione di guerra a chi ha votato Lega: «Quando nacque il governo Conte, negli accordi presi, il Partito Democratico volle con forza inserire la modifica dei decreti voluti dall’allora Ministro degli interni Salvini, da noi considerati al contempo disumani e insicuri. Non fu quello un vezzo ma una battaglia di civiltà per noi imprescindibile. Quei decreti erano demagogici e avversi allo spirito con cui l’Italia Repubblicana si è collocata storicamente nel contesto italiano ed europeo», si legge.

«Avevano come scopo non dichiarato quello di rendere impossibile, di fatto, la protezione internazionale per decine di migliaia di persone in fuga da carestie e guerre, con l’aggravante che molte persone venivano espulse dalle strutture e dai percorsi di accoglienza, diventando così degli “invisibili”. A ciò si sommava la chiara carica simbolica di quei decreti: il migrante era l’invasore da respingere, sacrificando a tale scopo l’umanità e il diritto». Una sferzata che incrina le possibilità di dialogo con la Lega per la formazione dell’esecutivo Draghi. Ponendo nell’agenda, tra l’altro, il tema della cittadinanza: il Pd chiede a Draghi l’«approvazione in via definitiva del disegno di legge sullo Ius Culturae».

Condividi su:

One thought on “Ecco il programma del Pd per il Governo Draghi: “Più immigrati e Ius Soli”

  1. Volevano anche parlare dei lavoratori italiani, purtroppo si era finito l’inchiostro!!

Rispondi a Angelo Tumino Annulla risposta

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.