Dramma su nave da crociera, morto ingegnere di 35 anni: ipotesi malore improvviso

Condividi su:

GENOVA — Una vacanza tramutatasi in tragedia. Un 35enne di Pesche, Modestino Vespa, è morto stamattina a bordo di una nave da crociera in quel momento attraccata al porto di Genova. Secondo le prime ricostruzioni il ragazzo, che era in vacanza con la sua fidanzata e stava vivendo giorni spensierati, sarebbe caduto sbattendo violentemente la testa e sarebbe deceduto sulla Msc Meraviglia. SEGUE FONTE.

La ragazza avrebbe subito dato l’allarme ma all’arrivo dei soccorritori per il giovane molisano, nonostante i diversi tentativi di rianimarlo, non c’era già più nulla da fare.  Potrebbe essersi trattato anche di un malore improvviso, che sarebbe stato all’origine della caduta accidentale, ma sarà probabilmente l’autopsia a fugare ogni dubbio. In ogni caso la Polizia di Stato è salita a bordo della nave ed è intervenuta per accertare la dinamica di quanto accaduto.

Condividi su:

3 thoughts on “Dramma su nave da crociera, morto ingegnere di 35 anni: ipotesi malore improvviso

  1. A parte i vaccini che, potrebbero essere tra i primi indiziati, vorrei mettere anche in risalto una cosa che nn tutti notano… magari lo notassero.
    Sto parlando delle enormi irrorazioni che gli aerei rilasciano in modo massiccio negli ultimi anni … o meglio da quando hanno ripreso a viaggiare.
    Ricordo che tra le cose che scaricano, oltre i residui molto tossici degli scarichi della combustione, che guarda caso arrivano a bassissima quota, vi troviamo il bario e l’alluminio.
    L’alluminio è tossico per il cervello, mentre il bario ha il dono …. di provocare infarti.
    Chiunque con conoscenza in materia, ve lo può confermare.
    Il tutto si chiama GEOINGEGNERIA.

    1. Hai ragione ti è respirato bene sono dopo il temporale e il vento che ha spazzato il litorale romano. Il giorno dopo le scie ed è arrivato un grande affanno. Che siano maledetti tutti i coinvolti in questa assurdità di bioingegneria. Ma questi non respirano, oltre che pazzi sono dementi.

    2. Alle élite piace tanto quella frode immensa e loro creazione di Darwin, per cui lo citerò, o meglio parafraserò: chi meglio si adatta alle precarie condizioni ambientali sopravvive modificando i caratteri primari e secondari del suo organismo per resistere alle avversità.
      È in atto una speciazione da parecchi anni, ma chi non deve morire non morirà.
      I più deboli soccomberanno.
      Nei prossimi anni si calcola che quasi 2 miliardi di umani moriranno, tutti gli altri vaccinati si ammaleranno anche in modo grave, alcuni in modo cronico altri istantaneo e moriranno.

      Il pianeta sarà dei non vaccinati, che nonostante le scie chimiche sono più resistenti fisicamente in quanto molti, me inclusa, prediligono un’alimentazione il più naturale possibile, non fumano, non si curano con farmaci puramente chimici di sintesi.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.