Dr. Perronne al Parlamento: “Con questi vaccini, stanno uccidendo i più giovani. Adesso basta”

Condividi su:

L’ex presidente del dipartimento di malattie infettive e tropicali dell’istituto Raymond-Poincaré di Garches (Hauts-de-Seine), Christian Perronne, grande infettivologo francese da tempo bersaglio del mainstream per aver affermato la pericolosità dei vaccinati in quanto veicolo di infezione. Perronne, che ha lavorato per anni ai massimi livelli della sanità pubblica francese, per 15 anni consulente di governo sulla gestione delle crisi sanitarie e delle epidemie, ex consulente dell’OMS, ora è stato destituito perché ha scelto di resistere. Così Come Don Chisciotte.

Ospite del Parlamento del Lussemburgo mercoledì scorso, ha denunciato apertamente lo stato sperimentale e l’alta pericolosità dei farmaci a mRNA, che uccidono i giovanissimi (di cui riporta due casi) senza dargli alcun vantaggio: “Lo scandalo più grande di questa epidemia sta nell’aver definito ‘vaccini’ questi prodotti. Nei paesi più vaccinati, oltre il 90% delle terapie intensive sono occupate da persone con due o tre dosi. Tutti i parlamentari che hanno firmato l’obbligatorietà di un farmaco sperimentale, dovrebbero essere processati da un tribunale internazionale”.

Condividi su:

15 thoughts on “Dr. Perronne al Parlamento: “Con questi vaccini, stanno uccidendo i più giovani. Adesso basta”

  1. I PARLAMENTARI ITALIANI CHE HANNO APPROVATO L’OBBLIGO VACCINALE DEVONO ESSERE TUTTI PROCESSATI DA UN TRIBUNALE MILITARE INTERNAZIONALE.

    AVRETE QUELLO CHE VI MERITATE.

  2. Un altro discorso che espone tutta la frode in maniera ECCCELLENTE.

    Però tutto intorno in troppi paesi le orecchie, oltre che gli occhi, continuano ad essere foderati di cellophane e a fare finta di niente…però lo si sa, lo abbiamo fatto tutti da bambini almeno una volta, gonfiando pian piano un palloncino, un pò alla volta, poco per volta, sempre più gonfio, sempre più grande, ma si ancora un poco, poi…lo ricordiamo tutti quel palloncino che fine faceva…

      1. Grandissimo link, pieno di informazioni preziose! Grazie ancora. Ormai sti criminali verranno travolti dai fatti, questione di tempo.

  3. il punturino NON E’ OBBLIGATORIO
    la maggioranza della popolazione ha scelto di farlo
    non sarebbe sbagliato mandarli in paradiso

  4. La disinformazione mainstream continua a mentire agli italiani dicendo che in terapia intensiva ci vanno quasi solo i non vaccinati quando è esattamente il contrario.Oltre a falsare i dati per creare un clima di odio ed esclusione utile a sottoporre tutti al controllo digitale e biologico permanente, giocano sul fatto che per loro un non vaccinato è anche uno che si è fatto 2 dosi ma ovviamente lo nascondono.

    Siamo di fronte a fenomeni di vera delinquenza, dato che è un reato penale l’abuso della credulità popolare,oltrechè l’attentato alla salute, la discriminazione e la riduzione in schiavitu’ con lockdown domiciliare.Ma oramai le leggi italiane e la costituzione sono carta straccia per i poteri forti occulti gloablisti .Abbiamo governi che,oltre ad apporre il segreto di stato illeggittimamente,fanno leggi incostituzionali al posto di un parlamento con molti collusi.E’ evidente che non siamo in democrazia, dove vi dovrebbe essere una maggioranza ed un opposizione.

    Ci fanno anche credere che i morti sono sopratutto non vaccinati quando in Spagna e Inghilterra,dove i politici hanno capito di giocarsi la carriera alle prossime elezioni, è uscito fuori che l’ 80% circa dei morti da covid sono vaccinati.Probabilmente muoiono anche per la proteina spike iniettata dato che è quella che fà i danni nell’ infezione covid e che porta alle tromboembolie polmonari ,come dimostrato dalle autopsie fatte da medici coscienti che il ministero della sanità aveva provato a vietare.Tromboembolie che ho letto possono rendere adirittura dannosa la ventilazione meccanica dato che il polmone non è in grado di assorbire l’ossigeno e che rendono fondamentali l’utilizzo di anti-aggreganti piastrinici quali aspirina o eparina.

      1. Anonimo,
        grazie per l’informazione.Finalmente qualcosa si muove affinchè le responsabilità emergano.

  5. Il dott. Perronne letteralmente ha detto: “Il vaccino sta uccidendo i giovani. Conosco personalmente una ragazza di 17 anni e una di 20, morte 8 giorni dopo il vaccino per infarto del miocardio e embolia polmonare. Nella mia carriera non ho mai visto un infarto del miocardio all’età di vent’anni”. Io conosco molti giovani che si sono vaccinati e fortunatamente nessuno è deceduto. Nella mia vita, pur non essendo medico, mi è capitato di conoscere giovani che sono morti per infarto e per emorragia cerebrale. Quale tesi è più scientifica quella del dott. Perronne o la mia. Certamente nessuna delle due, entrambe sono chiacchiere da bar o meglio da social.. Una tesi scientifica è basata sulle statistiche. Quanti Giovani sono stati vaccinati? Quanti sono morti dopo il vaccino? Quanti di queste morti sono associabili al vaccino? La percentuale risultante è statisticamente significante? Questo si fa per tutti i farmaci. Si può morire anche di aspirina o di eparina. Per questo Prof. tutto il resto del mondo scientifico o sono ladri o incapaci. Tutto certezze. E poi perché un medico ci viene a parlare di violazione di diritto invece di spiegarci una sua ricerca scientifica sul campo con dati reali.

  6. Il discorso di Perronne pronunciato al Parlamento Europeo dovrebbe indurci alla riflessione e spiegare perchè , sia per ragioni di carattere sanitario, che giuridiche molti siano critici, sia rispetto ad una vaccinazione di massa , che per l’ adozione di provvedimenti restrittivi della libertà personale, quali quelli afferenti al cosiddetto “green pass” e peggio ancora “super green pass”. I soliti siti alla ricerca di presunte fake news si sono scatenati per screditarlo, ma sono valide le loro ragioni? L’articolo dal titolo “Le bufale di bufalepuntonet ” fornisce una risposta:

    https://www.iltuoblog.arezzo-web.it/forum/esperti.php

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.