Docente: “Ma oggi in Parlamento il comico era Draghi o Zelensky?”

Condividi su:

di prof. Paolo DesogusNon avevo aspettative verso Draghi. Il colpo di mano che ha consentito la sua ascesa politica in Italia dava un chiaro segnale sul suo programma politico e sulla sua indole da autocrate. Non pensavo però che sarebbe caduto così in basso come in questi giorni. Oggi a Montecitorio non era più chiaro chi fosse il comico tra lui e Zelenski. Dire l’Italia vuole l’Ucraina nell’Ue è infatti solo la battuta di un vecchio attore sul viale del tramonto. L’impatto sulla realtà di questa presa di posizione è pari a zero.

Solo Parenzo e Severgnini possono crederci. Il giornalismo d’accatto nostrano si nutre infatti di simili idiozie, che del resto fanno il paio con la regressione della discussione politica allo schema amico/nemico. Nessuno si illuda che tutto questo sia a costo zero. Non crediate che non ci saranno conseguenze. Il mondo è molto più grande di chi crede che ci sia solo l’Occidente. E il marchio di Paese credulone in mano a una cricca di comici vigliacchi e nani politici resterà attaccato all’immagine dell’Italia chissà per quanto tempo.

Condividi su:

4 thoughts on “Docente: “Ma oggi in Parlamento il comico era Draghi o Zelensky?”

  1. Dei pazzi sadici e criminali , fanno tutto il contrario del buon senso e ci impoveriscono con indifferenza protervia , tutte cose che non ci riguardano .

Rispondi a nuccioviglietti Annulla risposta

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.