Cure domiciliari, dott. Giovanardi: “Io non so come facciano politici e medici a dormire la notte”

Condividi su:

Di Daniele GiovanardiLa terapia a base di antinfiammatori, avviata all’inizio dei sintomi, riduce il rischio di ospedalizzazione per Covid dell’85-90%. Dopo due anni e mezzo di pandemia la comunità scientifica concorda su un punto: a uccidere i malati è l’infiammazione, non il virus. L’ipotesi di intervenire precocemente per spegnerla è stata oggetto di diversi studi e un ampio lavoro pubblicato su Lancet e riportato da Il Corriere della Sera, condotto dall’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri e dall’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Gli autori hanno preso in esame tutti gli studi pubblicati su riviste scientifiche di valore, condotti tra il 2020 e il 2021 su un totale di cinquemila pazienti, tra gruppi di studio e di controllo.


Ho somministrato antinfiammatori ai miei pazienti (Aspirina, Oki, Brufen) alla comparsa dei primi sintomi già da febbraio-marzo 2020 visitandoli a domicilio attraverso Ippocrate. E così hanno fatto altri miei valorosi colleghi. Siamo stati derisi, insultati e talvolta sospesi dagli ideologi della “Tachipirina e vigile attesa”, della “Segregazione del malato”, della “non esiste cura per il covid”, “o ti vaccini o muori” e fra i più feroci di tutti gli ordini professionali, sebbene ci fosse sin dall’inizio la prova dell’efficienza di queste semplici terapie da sempre usate contro la virosi. E ora contrordine: sì effettivamente se avessimo curato il covid come tutte le altre sindromi influenzali avremmo risparmiato decine di migliaia di morti. Non so proprio come tanti colleghi e decisori politici possano dormire la notte’.

Condividi su:

11 thoughts on “Cure domiciliari, dott. Giovanardi: “Io non so come facciano politici e medici a dormire la notte”

  1. Solo grande stima per il Dott. Daniele Giovanardi, come ai tanti altri medici che sono stati in prima linea senza piegarsi. Dobbiamo a loro un grande tributo e il merito di poter ancora conservare quella fiducia nell’arte medica oltraggiata da troppi personaggi corrotti e indegni.

  2. sono un under 30 e per 7-8 mesi sono stato trattato come un verme. 7-8 mesi rubati ai miei migliori anni.
    il mio cervello è rimasto bloccato al 2019 , continua a non capacitarsi di come tutto ciò sia stato possibile per un virus influenzale non pericoloso per i giovani sani (e per tutti gli altri gestibile).
    una ragazza di nome Camilla è in una cassa, ricattata per vacanza e ristorante da un grassone ligure e dai virostar che si riempivano il c/c. un trattamento sanitario iniettato senza alcuna analisi al singolo paziente e scambiato per DIRITTI COME IL LAVORO.

    ormai ho una forma di PTSD, vado in giro e ad ogni singola persona che vedo quei pensieri ritornano.
    Loro non si fanno domande, per loro “il virus è stato sconfitto con i vaccini”. Non confesseranno mai di esser stato ingannati.

    Quelli che fino all’altro ieri discriminavano, spalavano odio e merda, facevano il teatro a forma di gel e pezze ora girano tranquilli senza mascherine e senza che nessun giudice li chiami a processo, QUALCUNO DOVRA’ PAGARE, NON POTRA’ PASSARE TUTTO IN CACIARA.

  3. Che dire… Qui abbiamo la chiara rappresentazione di come il cittadino comune, senza alcun cervello….. Non mi riferisco a coloro che sapevano ma lo hanno messo in piedi, si sono dimostrati acefali in modo totale

    1. Queste vaghe accuse al fratello di un medico eccellente e con grande coscienza sorprendono.
      Magari avessimo oggi i politici democristiani; loro il paese non lo svendettero ai banchieri globalisti stranieri.Allora lo Stato era proprietario delle banche pubbliche tra cui banca intesa e credito italiano che a loro volta detenevano le quote di maggioranza di banca d’italia( privatizzata nel 1992 ).E NOI avevamo moltissime società pubbliche che garantivano le necessità fondamentali della società italiana a prezzi accessibili.Oggi abbiamo speculatori stranieri che scommettono contro il nostro paese mentre i burattinai comprano i resti a 2 lire e riducono il popolo italiano alla fame

      1. @Cesare. Sì hai ragione. Dopo il crollo del comunismo all’Est, nel 1989, avrebbero dovuto sbattere in galera anche in Italia i comunisti, come facevano in tutta Europa. E invece “grazie” alla magistratura rossa e al golpe ripugnante di “mani pulite” hanno distrutto proprio i partiti che avevano garantito quasi 50 anni di benessere. E per cosa? Per la “corruzione”? Come se il PCI non fosse – come tutti – un partito che viveva di finanziamento illecito (dall’URSS per giunta! Da quelli che avevano i missili atomici puntati contro di noi). Quanto ai democristiani, ne parlavo con un’amica. Saranno stati coinvolti in scandali, nella mafia al sud, ecc., eppure le più grandi riforme del dopoguerra le avevano fatte loro: 1) Riforma agraria (che ridiede le terre dei latifondisti ai contadini); 2) Riforme scolastiche e scuola gratis fino alla 3a media; 3) Riforme sanitarie, cure gratuite a tutti anche per i grandi interventi; 4) Nazionalizzazione dell’energia elettrica, e tariffe dell’energia agevolate per tutti; 5) Autostrada del sole di 800 km. in soli 8 anni (!) dal 1956 al 1964; 6) Creazione della TV pubblica nel 1954, e bellissime trasmissioni sia di cultura che di intrattenimento: commedie, “Lascia e raddoppia”, “Rischiatutto”, Sapere, TV7, sceneggiati, TV dei ragazzi, film, ecc.; 7) L’Italia fu la prima in Europa – e solo dopo USA e URSS – a lanciare satelliti in orbita, e ad introdurre la mondovisione; 8) Creazione – grazie all’ENI di Mattei – di una società petrolifera e del gas pubblica leader in Europa, in grado di competere con quelle anglo-americane (ed è per questo che Mattei fu ucciso). E potrei continuare, perché l’Italia era leader in molti campi, dal cinema, alla moda, all’export tecnologico e industriale, con società di prim’ordine, dalla Montedison all’Olivetti, dalla Perugina alla Motta, ecc. E – guarda caso, il declino è proprio iniziato quando con la violenza delle manette sono riusciti a portare il PCI/PDS/DS/PD (cambia nome ma la puzza di cacca non cambia mai) al potere, e a svendere le eccellenze italiane agli stranieri. E per lo meno all’epoca c’erano politici che amavano il loro Paese, non vermi venduti a Goldman Sachs come Draghi.

  4. Questi sono figli di demoni minori:
    — si sentono sicuri, perché sono protetti da Satana!
    — di notte?.. per adesso, dormono sonni tranquilli, ma presto saranno svegliati: con l’incubo della Resa dei Conti.

    …di morti sulle loro diaboliche coscienze ce ne sono già tantissimi,.. ma non è finita! perché tra lo sgomento di pochi e l’indifferenza di molti, sotto gli occhi di tutti, sia ora che negli anni a venire; se ne aggiungeranno ancora una imprevedibile infinità.
    — è auspicabile che: Giustizia Sia Fatta.

  5. Come fanno a dormire la notte?
    Come fanno da duecento anni e oltre, da quando è iniziata la frode su virus, batteri e cancro.
    Come dormivano i meRdici che prescrivevano AZT ai malati di AIDS? E quelli che sparano chemio come fosse acqua fresca nelle vene dei malati di tumore? E quelli dei lager nazisti?
    La classe medica degli ultimi 200 anni è merda pura con rarissime eccezioni che non bastano a compensare per lo schifo del mondo occidentale.

    Ormai meglio andare da un santone o mago tipo Donascimiento, tanto peggio di quelli non potrà mai fare.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.