Crotone, volontaria Croce Rossa muore a soli 23 anni stroncata da una malattia fulminante

Condividi su:

CROTONE — Il comitato provinciale della Croce rossa di Crotone piange la prematura scomparsa di una giovanissima volontaria, Benedetta Novello, stroncata a soli 23 anni da una malattia incurabile e fulminea.

«Ciao Benedetta», scrive sulla pagina Facebook il comitato. «Benedetta – spiega il post – era una volontaria della Croce rossa italiana di Crotone dal 2019 in servizio presso Casabona». «Ha prestato la sua opera – sottolinea il comitato – con spirito di abnegazione e tanta umanità, ma la sua giovane vita è stata spezzata all’età di 23 anni da un’improvvisa malattia senza farle sconti». «Siamo tutti vicini alla sua famiglia e al suo papà Salvatore – conclude il comitato nel post -, anch’egli volontario della Croce rossa italiana. Ciao Benedetta!». Tanti i commenti, carichi di affetto e vicinanza alla famiglia della ragazza, che si stanno rincorrendo sotto al post del comitato provinciale. Fonte

Condividi su:

6 thoughts on “Crotone, volontaria Croce Rossa muore a soli 23 anni stroncata da una malattia fulminante

  1. FINCHè VI CROGIOLATE
    E NON APRROFONDITE NON CAMBIERA’ NULLA
    DOMANDA: QUALI SONO GLI
    Effetti dell’esposizione del corpo umano ai campi elettromagnetici?
    il corpo è fatto di acqua
    l’acqua è elettro conduttiva ergo siamo tutti ELETTROSENSIBILI
    sono le CELLULE (sempre fatte di acqua) CHE VI TENGONO IN VITA
    finché ci sarà gente superficiale
    che DIMENTICA O NON SA
    che dentro al corpo umano
    CI SONO MIGLIAIA DI AGENTI PATOGENI
    gioco forza andrà a chi sta attuando lo scenario che vediamo
    è pieno di ignoranti
    e a causa loro siamo arrivati a questo punto
    forza ora dite che avete avuto i fuffacovid
    senza comprendere che una volta debilitato il
    SISTEMA IMMUNITARIO
    VI ESCE FUORI DI TUTTO
    A CHI PIU’ A CHI MENO
    continuate a stare
    BENDATI e SORDI

  2. PUBMED
    Environ Res
    . 2020 Jul;186:109445. doi: 10.1016/j.envres.2020.109445. Epub 2020 Mar 30.
    Electromagnetic hypersensitivity (EHS, microwave syndrome) – Review of mechanisms
    Yael Stein 1, Iris G Udasin 2
    Affiliations expand
    PMID: 32289567 DOI: 10.1016/j.envres.2020.109445
    Abstract
    Electromagnetic hypersensitivity (EHS), known in the past as “Microwave syndrome”, is a clinical syndrome characterized by the presence of a wide spectrum of non-specific multiple organ symptoms, typically including central nervous system symptoms, that occur following the patient’s acute or chronic exposure to electromagnetic fields in the environment or in occupational settings. Numerous studies have shown biological effects at the cellular level of electromagnetic fields (EMF) at magnetic (ELF) and radio-frequency (RF) frequencies in extremely low intensities. Many of the mechanisms described for Multiple Chemical Sensitivity (MCS) apply with modification to EHS. Repeated exposures result in sensitization and consequent enhancement of response. Many hypersensitive patients appear to have impaired detoxification systems that become overloaded by excessive oxidative stress. EMF can induce changes in calcium signaling cascades, significant activation of free radical processes and overproduction of reactive oxygen species (ROS) in living cells as well as altered neurological and cognitive functions and disruption of the blood-brain barrier. Magnetite crystals absorbed from combustion air pollution could have an important role in brain effects of EMF. Autonomic nervous system effects of EMF could also be expressed as symptoms in the cardiovascular system. Other common effects of EMF include effects on skin, microvasculature, immune and hematologic systems. It is concluded that the mechanisms underlying the symptoms of EHS are biologically plausible and that many organic physiologic responses occur following EMF exposure. Patients can have neurologic, neuro-hormonal and neuro-psychiatric symptoms following exposure to EMF as a consequence of neural damage and over-sensitized neural responses. More relevant diagnostic tests for EHS should be developed. Exposure limits should be lowered to safeguard against biologic effects of EMF. Spread of local and global wireless networks should be decreased, and safer wired networks should be used instead of wireless, to protect susceptible members of the public. Public places should be made accessible for electrohypersensitive individuals.

  3. Vorrei sapere ora come faremo noi ignoranti a farci carico della salute, della giustizia e della pensione di una nazione di invalidi e e seppelliti.

  4. Gino , non ti preoccupare !
    Ci penseranno le risorse colorate, inculandole, sfruttandole, drogandole , rendendole in schiavitu e ridendo di noi pirla che li abbiamo accolti !
    Ma non tengono conto , ne loro ne i politici venduti ,che hanno perpetuato questo crimine , che ci sono ancora milioni di ITALIANI veri che al momento opportuno reagiranno e manderanno a casa loro questi stronzi ed in galera i loro politici magnaccia !
    Grillo e company , sarete accusati del piu grande tradimento all italia e agli italiani .
    Ti suggerisco di ritirarti in Nuova Zelanda prima che ti vengano a prendere
    Ti ricordi quando sul blog ti paragonavo a Masaniello ?
    Orbene il bibitaro gia e caduto ed il prossimo sei tu, e non salverai quello che volevi salvare , perche la storia insegna che il potere ,non perdona mai chi lo attacca!
    Masaniello, Grillo, Masaniello Di maio Bibitaro , Masaniello momento differente !
    Masaniello M5s !

  5. sempre complimenti agli statali italiani che hanno commesso questi crimini. sbirri,magistrati,medici,professori che studiare gli è servito a ben poco,politici di TUTTI i livelli ecc..

  6. Bèh, una volontaria della croce Rossa sarà stata sicuramente cacchinata, poi moltissimi gggiovani lo sono. La scusa è il lavoro ma la realtà è che lo hanno fatto soltanto per i locali, per i viaggi, la discoteca, i bar, ecc… E il lavoro in realtà si chiama: soldi del papi. Vedo un sacco di laureati, soldi del papi ovviamente… Tornando alla povera ragazza, ma i covidioti lobotomizzati come al solito non si pongono nemmeno la più piccola domandina? Ovviamente diranno che i cacchini non c’entrano assolutamente NULLA, come sempre d’altronde. Eh, ma loro hanno fatto già l’autopsia immaginaria e hanno escluso il cacchino anche se sono sperimentali, anche se gli effetti avversi potrebbero verificarsi anche dopo anni… Eh, ma loro sono i furbi… Loro sono i prescelti1!!11 Benedetti da Satana…

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.