Cremona: commercianti strappano cartelle esattoriali contro il lockdown in Lombardia

Condividi!

Circa duecento commercianti hanno protestato nel centro di Cremona contro la chiusura di tutta la Lombardia, inserita tra le zone rosse della emergenza Coronavirus dal Dpcm del governo. Il lockdown che partirà da venerdì 6 novembre rischia di mettere in ginocchio gli imprenditori che ieri sera hanno simbolicamente stracciato in pubblica piazza le ultime cartelle esattoriali.

In Italia ormai siamo giunti al dodicesimo giorno di proteste. A Cremona, cittadini e commercianti inalberati protestano contro lockdown e governo Conte strappando F24 e cartelle esattoriali: “Conte ci sta chiudendo? E noi non paghiamo più un centesimo di tasse”. Sciopero fiscale. Siamo solo all’inizio di una rivolta che con assoluta probabilità coinvolgerà nelle prossime settimane tutto il nostro Paese. La questione che i commercianti pongono al Governo è piuttosto semplice: “Se io non incasso perché tu Stato mi stai imponendo (contro la mia volontà) di chiudere, come faccio a pagarti?”.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.