Covid, muore a Cesena il maestro Sergio Rossini: era vaccinato con doppia dose

Condividi su:

CESENA – Lascia un grande vuoto, nel mondo dello spettacolo e non solo. Si è spento nel primo pomeriggio di sabato, all’ospedale “Maurizio Bufalini” di Cesena, il Maestro Sergio Rossini, 66enne di Martorano. A spegnerlo per sempre è stato il covid-19. Era ricoverato in ospedale da una settimana e, negli ultimi giorni, era aiutato dalla respirazione artificiale. La sua morte è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Come la sua famiglia era vaccinato: moglie e figlio sono in quarantena cautelativa a casa.

Conosciutissimo non solo in Romagna, ma in tutta Italia, in quanto da più di 30 anni, era il responsabile dell’agenzia teatrale Nova’s Spettacoli e uno degli ultimi impresari teatrali ancora in attività. La sua agenzia era il punto di riferimento per tutti gli organizzatori di feste pubbliche e private. E’ stato uno degli ideatori della festa di fine anno in piazza a Cesena. È stato lui, che ha servito con artisti di fama nazionale e locali, gli organizzatori delle feste di partito, parrocchiali, sportive, locali da ballo. Uno dei suoi ultimi importanti impegni artistici, è stato quello dello scorso mese di luglio a Cesenatico, con la festa regionale della Uil. Lo riporta Cesena Today.

Condividi su:

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.