Covid, Miguel Bosé: falsa pandemia creata da supermiliardari psicopatici

Condividi!

Miguel Bosé rincara la dose di dichiarazioni ‘negazioniste’ contro la pandemia di Covid. Lo fa nella seconda parte della discussa intervista con il conduttore Jordi Evole, andata in onda domenica sera sull’emittente televisiva La Sexta. “Solo io possiedo la verità, altro che bufale. Sono negazionista e lo dico a testa alta. Non mi interessa ciò che pensano gli altri, se avessi dato peso alle parole di altri non avrei mai avuto questa carriera – ha detto il cantante -. Dov’è il virus? Io non lo vedo. Questo è solo un complotto per sottomettere i popoli e vendere i vaccini, io mi sono informato e documentato. Non ci servono i vaccini, ma le cure”. Lo riporta quest’oggi il Fatto Quotidiano.

“Questa falsa pandemia non è nata dalla Cina, ma da un cartello di supermiliardari psicopatici che rispondono al nome di Forum di Davos – ha detto Miguel Bosé -. Hanno pianificato tutto questo da 10-15 anni, basta cercare le informazioni sul web e troverete tutto. Queste persone si credono padroni dell’umanità e del pianeta perché sono molto ricchi e molto arroganti. Ma vedrete: cadranno tutti, uno dopo l’altro. Politici, scienziati e imprenditori farmaceutici: non potranno più uscire di casa tranquilli. Ci sarà un’altra Norimberga e coinvolgerà tutto il sistema, da destra a sinistra. Voglio un mondo nuovo e lo avremo”.

Condividi!

2 thoughts on “Covid, Miguel Bosé: falsa pandemia creata da supermiliardari psicopatici

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: