Costituzionalista: “Chi vince vince, il programma è uguale per tutti. Pure io mi astengo” (VIDEO)

Condividi su:

Prof. Paolo Sceusa: «I qualunquisti sono quelli che votano». “Non voto il vuoto” è uno degli slogan scelti dal prof. Paolo Sceusa. Definire “vuoto” la politica italiana è già un eufemismo. E’ il nulla cosmico, pitturato di niente. È abitato da nani, ballerine e gatekeeper, vecchi e nuovi. Sceusa, oltre all’astensione, cerca di far coordinare anche un’azione per quello che sarà il dopo-voto. Bergoglio, politici, influencer, media, troll: il Sistema ha mobilitato tutti per cercare di convincere qualcuno ad andare comunque al seggio il 25 Settembre. A loro basta che ci si rechi alle urne, non sono per nulla interessati a sapere chi verrà votato e con quale percentuale: tanto il programma è lo stesso per tutti. Molti di questi figuranti, sanno perfettamente che la nave potrebbe affondare nel momento in cui gli italiani esprimano un massiccio dissenso, chiamato astensionismo. Sanno che in questo caso a loro toccherebbe un drammatico destino.

Condividi su:

39 thoughts on “Costituzionalista: “Chi vince vince, il programma è uguale per tutti. Pure io mi astengo” (VIDEO)

  1. Certo che un alto magistrato che invita all’astensione è il colmo. Dire poi che un’alta astensione disturba il sistema è un imbroglio plateale. È il sistema che invita ad astenersi, vedi l’appello ad esempio di Fabio Fazio e altri della stessa risma

    1. Il rischio infatti è che possa vincere il Pd se l’astensione toccherà record mai raggiunti. Forse è meglio votare il meno peggio per limitare i danni.

      1. bell’insegnamento votare il meno peggio. astenersi è solo un piccolo passo. è inutile astenersi e poi andare alla presentazione del libro di zaia o speranza o meloni e farsi pure i selfie. la lotta si fa non facendo nemmeno un tampone,emarginando gli statali.da draghi al postino,passando per forze dell’ordine ,medici ,professori e magistati. vanno emarginati,e spiegatogli che in uno stato che non esiste i veri orchi diventano gli statali. vanno emarginati,denigrati,esclusi dalla vita sociale e dagli affetti. e poi vi accorgerete che quando nessuno li caga smetteranno di parlare. nessuno parla e ordina a gente che non ascolta e non esegue.capito greenpassati?

      2. Se il “meno peggio” sono i partiti antisistema, sono d’accordissimo con voi.

      3. Non esiste il meno peggio.
        Pensare di combattere il sistema con i suoi metodi e le sue regole è un’assurdità.
        Piuttosto sciopero generale totale ad oltranza. Ma i tempi non sono ancora maturi…. aspettiamo le prossime bollette.

      4. Perche’ votare il meno peggio quando ci sono nuove formazioni politiche che propongono programmi validi per COMINCIARE a cambiare le cose? Non le cambieranno subito, e’ chiaro, ma sarebbero un inizio. Certo, molti sono rimasti scottati dalla frode dei grillini, ma evidentemente e’ stata fatta proprio per schifare la gente e allontanarla anche da eventuali partiti genuini. E ci stanno riuscendo. Sarebbe addirittura meglio cassare la scheda che astenersi.

      5. I partiti anti-sistema dovevano mettersi insieme. Invece correndo divisi quasi nessuno (secondo i sondaggi) entrerà in Parlamento. Forse solo Italexit supererà la soglia del 3%. Ecco perché parliamo del meno peggio cioè per noi Meloni e Salvini. Staremo a vedere comunque, i sondaggi spesso non sono affidabili.

      6. Infatti non mi risulta che ci sia un quorum per cui il partito dell’astensionismo possa essere decisivo ,anzi l’astensione ha sempre favorito i sinistroidi che cascasse il mondo vanno a votare… Per cui è decisamente meglio votare il meno peggio, meglio ancora la politica antisistema. Forza Italexit con Paragone!!!

    2. Esattamente! L’invito all’astensione, genuino o no, e’ un imbroglio del potere per non venire messo a rischio. Altro che delegittimazione, altro che segnale! Questi, quando vedranno la percentuale degli astensionisti crescere, brinderanno a caviale e champagne, che ce l’hanno messo in quel posto un’altra volta.

      1. Definire meloni e salvini il meno peggio, puo significare una sola cosa, essersi fumati l’impossibile. Ma come cazzo fate ad inserire articoli interessanti e poi scadere cosi?

      2. Spero che siamo d’accordo almeno sul fatto che non sia il Pd il meno peggio. Abbiamo il terrore di un partito che impone un trattamento terapeutico sperimentale per lavorare o per entrare nei locali. E che toglie il lavoro ed emargina la gente sana solo perché non è vaccinata.

      3. Da uomo di sx non ho nessuna paura di dire, che da quasi un ventennio il pd é il peggio del peggio, peró é anche vero la merdoni, merdini e tutto il resto non sono di certo inferiori. In ogni caso la mia idea é che nonostante tutto dovremmoaver chiaro che dare il voto a un qualsiasi partito di sistema, equivale a martellarsi le palle

      4. Eh appunto, peccato che i partiti anti-sistema stiano correndo divisi. Altrimenti sarebbe stato tutto un altro discorso.

  2. come si diceva ai bei tempi “chi si astiene dalla lotta è un gran fijo de na mig…..” questo è un altro colluso a questo punto

    1. Visto il buon lavoro che fate, dovreste spingere le personr a votare quelli che dicono non arrivernno al quorum e non salvini e meloni,, che sono responsabili dei disastri italici tanto quanto gli altri, altrimenti la coerenza va a farsi benedire. In ogni caso riguardo a quorum occhio alle sorprese

  3. ma questo “COSTITUZIONALISTA” sa che non c’è quorum? che anche se vota solo letta o la meloni quindi si governa anche con un solo voto? la speranza :-((( di far leva sulla coscienza di questi servi degliusa in caso di bassa affluenza è proprio una sciocchezza. finora malgrado il dissenso non mi sembra che ci abbiano ripensato alle loro azioni

  4. VOTO CHI FERMERA’ IL LANCIO DEI MISSILI
    QUOTIDIANO
    CON SATELLITI 5G A BORDO (nextspaceflight.com)
    PERPETRATO
    DAL 1029
    ESISTE?
    NO, ALLORA NON VOTO
    VOTO CHI TOGLIERA’ DALLA TERRA MIGLIAIA DI KILOMETRI
    DI FIBRA OTTICA
    STESA TUTTI I GIORNI
    DA BEN 30 ANNI
    RIPETO 30 ANNI
    ESISTE?
    NO, ALLORA NON VOTO
    VOTO CHI SCHIFA IL DENARO
    VOTO CHI SCHIFA LO SCHIFO
    ESISTE?
    NO, ALLORA NON VOTO
    VOTO CHI DICE LA VERITA’
    E NON SPACCIA PER INTELLIGENTE
    CIO’ CHE E’ ARTIFICIALE
    ERGO PSICOPATICO
    PERCHE’ CIO’ CHE NON PROVA SENTIMENTI E’ PICOPATICO, O NO?
    NON E’ SCRITTO NEI LIBRI DI PSICOLOGIA?
    O MI INVENTO LE COSE?
    VOTO CHI PRENDE SUL SERIO LE LEGGI DELLA FISICA
    E SA
    CHE SATELLITI E FIBRA OTTICA
    MODIFICANO IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DEL PIANETA
    MODIFICANO LA RISONANZA DI SHUMANN
    E NOI….UPS… MORIREMO
    BACCALONI
    CONTINUATE COSI’
    ..BACCALONI

    1. Allora vota Italia Sovrana e Popolare, Comitato Nazionale di Liberazione, Vita, Alternativa… Hanno proprio quelle cose in programma, oltre alla lotta per uscire da UE e Nato.

  5. chi vota acconsente
    da 3 anni il parlamento viene calpestato dai decreti
    chi vota legittima un parlamento ininfluente

    1. Chi non vota acconsente ancora di piu’. A qualunque cosa votino gli altri. Come se votare dovesse prescindere per forza da altri tipi di lotta.

  6. Il fatto che vari personaggi famosi e non dicono che non voteranno, perche loro non vedono “soluzioni” serie, perche “la pochezza di questo”o perche “l’assenza dell’altro”, dimostra che in italia il fenomeno del paraculismo é un fenomeno assai diffuso. Sti qua anziche illuminare il popolo stimolandolo a partecipipare, a lottore per il proprio status, a essere vivo, di punto in bianco, come gli zombi escono dal loro limbo e quando aprono bocca,
    da questa escono solo minchiate ad effetto, che non fanno altro scazzare ulteriormente le persone. Per evitare di entrare in questo fumo, per evitare di cadere in questa perfida trappola, tesa appunto da un sistema che da sempre gioca sporco, non ascoltiamoli, diamogli le soalle, muoviamoci per conto nostro, facciamo il contrario di ció che dicono e andiamo a votare, preferendo quelli che almeno sulla carta offrono programmi alternativi non allineati alla elite. Votiamo partiti antisistema!

  7. Sceusa ha perfettamente ragione.
    La Costituzione tanto cara ai novax è solo una buffonata anti cittadini italiani creata da massoni per coprire i loro crimini, ma solo chi come Sceusa l’ha studiata e davvero capita può coglierne l’immensa presa in giro ai danni del popolo italiano.
    Ovvio che votare è un’altra buffonata a questo punto della storia.
    L’Italia crollerà ed è un bene. Questo sistema deve esplodere e disintegrarsi, incluso quello elettorale, io e molti altri aiuteremo il processo e lo velocizzeremo, prima muore il vecchio prima nasce il nuovo.

    1. Dopo, ovviamente, ci troviamo tutti a casa sua per avere le prime indicazioni su come costruire il “nuovo”.

  8. E bravo, non votare. Cosi’ fai il gatekeeper senza saperlo e fai contenti Fabio Fazio, il Corriere, la Repubblica, tutti improvvisamente li’ a propagandare l’astensione… Cosi’ vince il solito PD col suo zoccolo duro del 20% o addirittura meno, perche’ i suoi elettori andranno a votare, eccome, pure in barella ma ci andranno. Chiedetvi come mai questa gente propaganda l’astensione (che NON delegittimera’ il potere!) e non, invece, di cassare la scheda o di votare per i nuovi partiti antisistema. E datevi una risposta onesta.

  9. E mente sapendo di mentire. Non e’ affatto vero che il programma e’ lo stesso per tutti. Basterebbe leggere quello di ISP, per rendersi conto che e’ rivoluzionario, rispetto a quel che abbiamo adesso.

  10. In Svizzera e Francia hanno votato il 48% in Grecia e Portogallo il 56%
    e non mi sembra che siano rimasti sconvolti. In Italia abbiamo votato al 72%
    e forse con una forte astensione arriviamo al 60%. Non gli fa nemmeno il
    solletico al sistema. Conviene votare la Meloni e chi proprio non ce la fa
    a votare la Meloni voti una listina del dissenso quella con più probabilità
    di superare il 3%.
    Un sentito ringraziamento a StopCensura che non censura mai… almeno speriamo…

  11. Questa è GENTAGLIA SINISTROIDE, arrogante e superba, da un lato i loro ex amori li hanno traditi e non li votano, nel caso radicali e PD, dall’altro non vogliono che i cosiddetti partiti fatti di popolani volgari di destra o antisistema vincano e diventino migliori di lui.

    1. Gino sono almeno 30anni che in italia non c’é piú una sinistra forte e vera. Pd o cdx sono la stessa cosa, infatti i danni li hanno fatti sxe in complicitá. Ritornando sul pd sono lo schifo dello schifo, perche appunto sono tutto il contrario di ció che predicano. Sono la dc restaurata.

      1. La sinistra non c’è più, ma la mente SINISTROIDE è rimasta, magari la Meloni non metterà più il green pass, però lui, con la mente sinistroide non potrà votarla, non può macchiarsi le mani per votare un partito Dio , Patria e famiglia.

      2. Il PD come segretario, ha Enrico Letta, Nipote di Gianni Letta uomo di fiducia del BerlusKa… serve dire altro per capire che il PD di socialista NON ha proprio Nulla ??

      3. Ma lei si esercita a comprendere i testi? è quello che dico, un socialista è un sinistroide o no? quindi un socialista orfano di un partito socialista non potrà mai votare una Meloni, o un Salvini, o un Paragone, o un Toscano, o una Cunial, la sua mente è e rimane socialsinistroide, e e Sceusa ha l’aggravante di essere un radicale.

      4. Gino quello che qui non comprende i commenti degli altri, mi sá che sei proprio tu. Cmq non sei solo.

    2. Gino è qui solo per sponsorizzare il centro destra, che vincerà e rimetterà il nazipass alle sagre dove il cicciominkia lumbard si strafoga senza una dose di vaccino in corpo, negli uffici, agli eventi sportivi e al lavoro. Hanno silurato tutti i deputati e senatori contro vaccino
      e nazipass, non a caso. Poi metteranno di nuovo l’obbligo vaccinale per over 50 od over 60 se non addirittura over 1 mese di vita, e toglieranno il reddito di cittadinanza.
      Tutto questo + chiusura fabbriche/negozi+inflazione+ bollette stratosferiche+ povertà+fame+freddo=….

      Non vedo l’ora.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.