Costituzionalista boccia il Green Pass: “Assurdo e incostituzionale”

Condividi!

“Ad oggi non è possibile rendere obbligatorio il green pass, perché chi vuole vaccinarsi non può ancora farlo perché non ci sono abbastanza vaccini per tutti. Sarebbe assurdo e incostituzionale imporre un obbligo che non si può rispettare. Se sostituisco il vaccino con il tampone” per ottenere il green pass, allora “dovrebbe essere gratuito come il vaccino”. Lo ha detto il giurista Michele Ainis intervistato qualche giorno fa da LaPresse.

“Per quanto riguarda le restrizioni” per chi non abbia il green pass, “ho dei dubbi che il modello francese si possa esportare così com’è: un conto sono i trasporti, la mobilità che è diritto fondamentale, un conto andare allo stadio, che è una cosa di cui ci si può anche privare. Allora lì il nodo è cosa ti vieto se non sei vaccinato? Se ti vieto un diritto fondamentale, come uscire di casa, non va bene. Se ti vieto cose come lo stadio o il ristorante allora si può”, ha concluso il noto costituzionalista a proposito del dibattito sull’introduzione dell’obbligo di green pass.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.