Cosenza, ex sindaco stroncato dal Covid: era vaccinato con 2 dosi

Condividi su:

COSENZA – La comunità di Panettieri è in lutto. Il piccolo centro del cosentino, poco più di trecento abitanti, situato al confine con la provincia di Catanzaro, piange la morte improvvisa di Giuseppe Gentile, sindaco negli anni novanta e più volte eletto consigliere comunale. Aveva 63 anni. Lascia la moglie e due figli. Giuseppe Gentile ha contratto il Covid in Sicilia dove si era recato per motivi professionali nei primi giorni di dicembre. Dopo aver accusato i primi sintomi un tampone ha confermato la presenza del coronavirus. Lo ha riportato oggi laCnews24.

Nel giro di pochi giorni la situazione è precipitata. Da fonti vicine alla famiglia si apprende che venerdì mattina 17 dicembre, dopo l’intervento di un’ambulanza del 118 era stato necessario per la bassa saturazione ricorrere ad una bombola di ossigeno per sostenere l’attività respiratoria. Oggi all’alba un nuovo malore, poi la corsa verso l’ospedale dell’Annunziata di Cosenza dove però l’uomo è deceduto. Aveva ricevuto la doppia dose di vaccino ed in questi giorni era maturato il periodo utile per sottoporsi al richiamo booster.

Condividi su:

9 thoughts on “Cosenza, ex sindaco stroncato dal Covid: era vaccinato con 2 dosi

  1. Se posso esprimere un sospetto, visto che i tamponi rilevano qualsiasi virus (non necessariamente il corona) e che i vaccini indeboliscono il sistema immunitario naturale, puo’ essere che tutte queste persone adesso muoiono di qualsiasi cosa? Senza difese immunitarie anche un raffreddore puo’ portare complicazioni fatali. E sono tanti gli scienziati e i medici che stanno mettendo in guardia…

      1. E’ molto ma molto peggio…
        Ricordo che molti esperti, ci avvertono che i danni derivanti da queste porcherie porteranno alla morte.
        Forse nn subito ma nel tempo.
        Questo nn vuol dire che tutti moriranno ma la stragrande maggioranza si.
        Poi cercate il rapporto PHIZER che in Nuova Zelanda, lo stato ha richesto alla ditta…
        Nonostante il loro rifiuto iniziale, hanno dovuto capiotlare.
        Ci sono tante cose interessanti.

      1. @Anonimo del 19 Dic 2021 alle 21:03

        – Il vaccino che da sempre conosciamo serve, ma certamente NON il “vaccino” COVID-19. ——> Infatti, è stato scoperto che le proteine spike entrano nel nucleo delle cellule, INIBENDO il normale sistema di riparazione dei DANNI DEL DNA. ——> Danni che le nostre cellule subiscono continuamente, anche semplicemente quando esponiamo il nostro corpo ai raggi solari. —–> Il nostro corpo ha un meccanismo di riparazione, che è un processo continuo.

        – Peccato che le SPIKE, appunto, QUELLE CHE SI GENERANO CON IL “VACCINO” Covid-19, inibiscano questo processo. Lo studio di cui sopra è stato condotto in Svezia —> https://www.mdpi.com/1999-4915/13/10/2056/htm

        TANTI AUGURI SE HAI FATTO IL VACCINO: IO TI CONSIGLIO DI NON FARE ALTRE DOSI, MA TU SEGUI PURE LA TUA PREPARAZIONE CULTURALE.

  2. Alla fine, e’ sempre questa roba che chiamano vaccino (che non difende da nulla, per altro) a causare tutti questi decessi, direttamente o indirettamente.

  3. (CNN) Sen. Elizabeth Warren tested positive Sunday for the coronavirus, according to a tweet from her official account.

    The Massachusetts Democrat, who is vaccinated and boosted, said she is experiencing mild symptoms. Warren was on the Senate floor last week before the chamber went on recess.”

    TRADUZIONE —> “(CNN) La Senatrice Elizabeth Warren è risultata positiva domenica al coronavirus, secondo un tweet dal suo account ufficiale.

    L’esponente del partito democratico del Massachusetts, vaccinata e con dose di supporto (boost) ha affermato di avere sintomi lievi. Warren era al Senato la scorsa settimana prima che la Camera andasse in pausa.”

    https://edition.cnn.com/2021/12/19/politics/elizabeth-warren-covid-positive/index.html

Rispondi a Redazione Annulla risposta

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.