Consiglio d’Europa boccia Governo Draghi: “Nessuno deve farsi vaccinare se non lo vuole”

Condividi su:

Il Green Pass, che di fatto introduce l’obbligo di vaccinazione nella maggior parte dei Paesi europei, è stato bocciato dall’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa. Riporta il Fatto quotidiano che un rapporto approvato a fine gennaio a larga maggioranza ha messo sotto accusa l’utilizzo delle certificazioni verdi per “punire i non vaccinati”. Quindi gli Stati vengono esortati a “informare i cittadini che nessuno deve farsi vaccinare se non lo vuole” e a “garantire che nessuno sarà discriminato se non è vaccinato“. Lo ha riportato oggi il giornale Libero Quotidiano.

In sostanza, secondo il report, il concetto di Green Pass è “contrario alla scienza”, in assenza di dati sull’efficacia dei vaccini nel ridurre la contagiosità e sulla durata dell’immunità acquisita. Il voto, che purtroppo non è vincolante, boccia quindi i decreti del governo Draghi che “discriminano” i non vaccinati con divieti e imposizioni d’ogni genere volti alla “prevenzione del Covid-19”.

Condividi su:

13 thoughts on “Consiglio d’Europa boccia Governo Draghi: “Nessuno deve farsi vaccinare se non lo vuole”

  1. Anche all’ estero si sono accorti che Draghi è un criminale? E’ un crimine generare la morte o invalidità di decine di migliaia italiani cavie gratuite a prodotti tossici e inutili e con scarico di qualsiasi responsabilità.E sono quasi obbligate da un banchiere vile affarista e suoi compagni di merende,leghisti compresi.
    I dati ufficiali AIFA, tenuti ben nascosti agli italiani da Settembre 2021 ma comunicati ai loro padroni europei, parlano di 120 mila effetti collaterali nelle cavie dei prodotti genici a Dicembre 2021.Considerando che 1 su 6 è grave siamo a 20 mila effetti gravi, compresa la morte!!.
    Negli USA si calcola che i casi di effetti collaterali da vaccini sono sottoriportati dalle 20 alle 40 volte.Anche se considerassimo un fattore di 10 siamo tranquillamente a 200 mila effetti gravi!!! Cifra credibile dato che molte persone che incontro mi riferiscono di gente colpiti dalla tossicità di questi veleni .
    I casi vengono sottoriportati dato che molte cavie non collegano l’effetto avverso ai prodotti genici cosi’ come i medici, per ignoranza o paura di essere considerati critici nei confronti del sistema e di essere espulsi dalle molte associazione mediche vergognose e criminali che partecipano ad una strage silenziosa.Ancora piu’ grave il caso della società di pediatria che non puo’ non conoscere i dati inglesi ufficiali che dichiarano un rischio di morte di 52 volte superiore nei bambini cavie rispetto ai non trattati!!!

  2. La risoluzione 2361 del Consiglio d’Europa cui fa riferimento Il Fatto Quotidiano è del 27 Gennaio 2021. Se ne sono accorti solo adesso? Fu emessa poco dopo l’inizio della campagna vaccinale, quando bisognava rassicurare le cavie sul rispetto dei loro diritti, poi disattesi in tutta Europa…
    https://pace.coe.int/en/files/29004/html

  3. Come sempre COMPLIMENTI dovuti a StopCensura per l’impegno civile e sociale.
    Questo personaggio, poco intelligente, ma crudele, scaltro e sadico, come ho già scritto precedentemente, non ascolterebbe nemmeno Cristo. Che questo personaggio ha seri e gravi problemi psicopatologici dovuti ad un attaccamento disorganizzato durante l’età evolutiva è un dato di fatto…
    Che, per la sua ferocia e sadismo senza ragione alcuna in quanto non esiste nessun covid, ma la messa in atto dell’agenda 2030 del nazi-giudeo Schwab, sia stato molestato da pedofili in giovane età è tipico comportamento, secondo la criminologia e lo studio approfondito di Emil Zola, per circa trent’anni, salta all’occhio anche del più sprovveduto, la sua ferocia, nell’ambito del suo lavoro di banchiere delle banche “OSCURE” dei giudei-gesuiti-massoni.
    Infatti all’estero viene definito “The butcher” .
    Questo personaggio che fa sbiancare sia Casligola che Seiano deve essere rimosso con una certa urgenza …prima che porti totalmente nel baratro il Paese.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.