Consigliera islamica: “La sinistra tace sull’Islam perché vuole il voto degli immigrati”

Condividi!

“Da parte nostra c’è timore a intervenire su questi temi. Negli ultimi vent’anni c’è stata sottovalutazione. Parliamone. Mettiamoci la faccia. Io, da musulmana e da consigliera Pd, per prima. Sono temi delicati e complessi se non si hanno basi antropologiche solide. C’è paura di essere strumentalizzati e additati come razzisti. Si è tergiversato troppo preferendo agire con paternalismo, assistenzialismo e accoglienza. Che, sia chiaro, va bene. Ma non basta. Tutto il resto è diventato tabù, come la mutilazione ai genitali femminili per esempio”. Marwa Mahmoud, musulmana egiziana, nata ad Alessandria d’Egitto e trasferitasi poi in Italia prima a Modena e poi a Reggio Emilia, è stata eletta consigliere comunale del Partito Democratico a Reggio Emilia.

Sostanzialmente conferma la teoria del sociologo Luca Ricolfi il quale sostiene: “La sinistra teme che i lati più imbarazzanti di quella cultura, e in particolare il suo modo di trattare la donna, compromettano il progetto politico di diventare i rappresentanti elettorali di quel mondo, grazie all’allargamento del diritto di voto agli immigrati”. Così facendo, sempre secondo Ricolfi, in nome del politicamente corretto “si viene a instaurare una sorta di presunzione di innocenza, o di responsabilità attenuata, per chiunque commetta reati ma abbia il vantaggio di far parte di una categoria “protetta”. È quanto ha riportato ieri pomeriggio VoxNews.

Condividi!

One thought on “Consigliera islamica: “La sinistra tace sull’Islam perché vuole il voto degli immigrati”

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.