Codacons: “Draghi rettifichi i dati dei decessi Covid o lo denunciamo per procurato allarme”

Condividi su:

Grave errore sul numero di decessi da Covid da parte del Premier Mario Draghi, che viene invitato oggi dal Codacons a rettificare le affermazioni rese in occasione della conferenza stampa del 22 dicembre scorso. Nel corso del suo intervento il Presidente del Consiglio ha affermato che “dei decessi, tre quarti non sono vaccinati”.

Numeri tuttavia smentiti dagli ultimi dati disponibili pubblicati dall’Istituto superiore di sanità (ISS), secondo cui dal 22 ottobre al 21 novembre i morti per COVID-19 in Italia sono stati 1.755: tra loro 722 non erano vaccinati, mentre 1.033 avevano ricevuto almeno la prima dose del vaccino. Il 58,9% dei morti, quindi, aveva ricevuto almeno una dose e il 41,1% non era vaccinato. Esattamente l’opposto di quanto affermato da Draghi.

Possiamo capire che un Premier possa esagerare nelle sue dichiarazioni ma sui dati, specie se così delicati perché relativi ad una emergenza sanitaria in atto, deve sempre mantenere una serietà assoluta, per evitare di provocare paure e sofferenze inutili specie durante le festività. Per tale motivo il Codacons invita oggi il Premier Draghi a rettificare le errate informazioni fornite ai cittadini, altrimenti sarà inevitabile una denuncia in Procura per procurato allarme. Lo ha fatto sapere https://codacons.it.

Condividi su:

18 thoughts on “Codacons: “Draghi rettifichi i dati dei decessi Covid o lo denunciamo per procurato allarme”

  1. Silenzio dalla magistratura: tutti comprati? Minacciati? Eppure per queste dichiarazioni, e per quelle vergognose del 22 luglio, una rettifica sarebbe il minimo sindacale. Ma il pesce puzza dalla testa.

  2. La magistratura non si è mossa ne ieri ne si muoverà dopo…
    Solamente quando il popolo li cercherà forse si muoveranno, ma non vedo molto bene il finale.

  3. Si vede che le cavie gratuite morte o menomate con queste terapie geniche tossiche di industrie private stanno diventando troppi e non è piu’ possibile nasconderli sotto al tappetto.Forse salta il programma di fare a tutti la punturina per dare a tutti un qr code come negli animali da allevamento e il depopolamento come dichiarato da Bill Gates, secondo maggior finanziatore dell’ OMS.Del resto i dati ufficiali a livello europeo parlano di 32 mila morti sospette e 3 milioni di effetti collaterali sospetti con questi veleni quindi all’ Italia spetterebbero, se fossero anche da noi riportati, circa 1/7 di queste (58milioni di abitanti in Italia su circa 400 milioni in Europa) e quindi circa 4 mila morti. Ricordiamoci che i gli effetti collaterali spesso non vengono comunicati o correlati al farmaco e sembrano sottoriportati di almeno 10 volte.I soli morti nella realtà quindi potrebbero essere circa 40 mila per la sola Italia.
    Quello che è sicuro è che siamo di fronte a dei criminali senza umanità alcuna che hanno nascosto al popolo italiano informazioni vitali e che per tale fatto vanno processati

  4. Da quel che si vede in giro i Bottegai itaGliani hanno già iniziato a ChiaGnere in vario modo per i mancanti introiti ( lacrime di coccodrillo?)… forse lo sciopero degli acquisti ha iniziato a funzionare e si sono Parzialmente svegliati, sti poveri bottegai frignoni…

    meglio poco e tardi che nulla e mai, si potrebbe dire…

  5. Che dire? Governo più disonesto non c’è! Manipolatore e contraffattore di dati… Draghi e governo al seguito, pur di tenersi aggrappati al potere per perseguire mire abbiette, continuano con parole diverse ma dello stesso contenuto di “Chi non si vaccina muore!”. Vergognatevi disonesti infami, via da lì!!!

  6. Denunciatelo, non e’ l’unica bugia che ha detto in TV. A luglio aveva anche affermato che chi non si vaccina muore. Non puo’ cavarsela cosi’.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.