Cittadini assediano sede RAI a Napoli: “Siete solo servi di questa dittatura sanitaria. Vergogna”

Condividi su:

“Cittadini contro l’apartheid sanitario assediano la sede della televisione di Stato a Napoli: “Siete solo dei servi di questa dittatura sanitaria. I diritti umani vengono sempre più frantumati, stiamo andando sotto una dittatura. Voglio essere una persona libera!”. Meravigliosi”. Lo hanno scritto ieri sera Radio Savana e Radio Genova sul social Twitter.

Condividi su:

16 thoughts on “Cittadini assediano sede RAI a Napoli: “Siete solo servi di questa dittatura sanitaria. Vergogna”

  1. Brava, ha capito la situazione. Purtroppo tanti altri adolescenti e giovani, pur di poter andare in discoteca, ai concerti e non rinunciare agli amici, corrono a farsi iniettare questi sieri sperimentali e molti, purtroppo, riportano miocarditi, paralisi, malattie autoimmuni e a volte, purtroppo, muoiono. Spesso questi ragazzi subiscono l’influenza della famiglia (che a sua volta subisce quella della propaganda), ma non sempre e’ colpa dei genitori. Mio fratello non e’ riuscito a fermare la figlia maggiore e ora anche la minore sta scalpitando per vaccinarsi, il padre (che ha dovuto cedere all’ignobile ricatto del governo per non perdere il lavoro e poter continuare a mantenere la famiglia) e’ disperato, sperava che almeno alle sue figlie non toccasse questo sacrificio. Se un giorno ci sara’ Norimberga-2, sara’ anche troppo poco.

    1. Molti purtroppo si vedono costretti a sierarsi proprio a causa degli ignobili provvedimenti che sta adottando il Governo. La sospensione del lavoro con conseguente perdita di retribuzione mensile è un ignobile ricatto.

  2. Ma chi lo sta mantenendo ,nel fare quello che vuole e il tuo amico salvini.ne piglia molti voti alle prossime elezioni.gli italiani non sono tutti stupidi

    1. @scoperta

      QUELLA CHE RIPORTI SAREBBE UNA NOTIZIA UFFICIALE? –> In caso affermativo, potresti indicare il link? –> GRAZIE.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.