Cinzia, 35 anni: “Non so più dove sbattere la testa. Dopo la prima dose, la salute l’ho persa”

Condividi su:

Mi chiamo Cinzia, ho 35 anni e desidero innanzitutto sottolineare che ho sempre cercato di mantenere uno stile di vita sano (attività fisica, no fumo, no alcool). A settembre 2021 mi sono sottoposta alla prima dose del vaccino Moderna. Dopo 4 giorni ho iniziato ad accusare fitte al petto (forti e costanti), dolori forti in tutta la zona della cassa toracica, dolori muscolari in genere e dispnea. Amo fare trekking in montagna ed ho sempre fatto lunghe camminate con dislivelli abbastanza impegnativi (più di 1000 metri) senza troppi problemi, mentre ora mi trovo in difficoltà ad affrontare una semplice rampa di scale.

Per motivi ancora non chiari (come tutto del resto) i suddetti sintomi peggiorano considerevolmente se mi porto ad altitudini più elevate (in macchina ovviamente, perché a piedi purtroppo non riesco più!). Mi sono presentata all’appuntamento per la seconda dose, precisando i suddetti sintomi ed il mio malessere e mi è stato risposto che avrei potuto fare una visita reumatologica ma che ero comunque idonea alla seconda somministrazione e che anzi, ora che ero diventata un soggetto fragile, era addirittura raccomandata. Ma io ovviamente sapevo di non star bene, ho imparato a conoscere il mio corpo e questa era una situazione nuova per me, non ci vedevo chiaro. E di conseguenza me ne sono andata.

Sono passati più di 6 mesi ed ho ancora tutte le problematiche sopra descritte, con addirittura dei peggioramenti. Se provo infatti a fare qualche piccolo sforzo (no, non lo definirei piccolo, bensì ridicolo) mi ritrovo ad avere fitte lancinanti in tutto il corpo. Ora io non so se rendo l’idea, ma quando si hanno dolori così forti in tutto il corpo, per tutto il giorno e per più giorni, vi assicuro che non si sa più dove sbattere la testa. A seguito ulteriori accertamenti vi è inoltre il sospetto di attivazione di malattia autoimmune. Sto tuttora eseguendo visite ed esami e non ho ancora una diagnosi. E di conseguenza non ho una cura; si va per tentativi che, finora, non hanno portato ad alcun risultato. Ebbene sì, mi sono fidata e mi sono vaccinata pensando di fare la cosa giusta anche per la mia salute mentre, di fatto, la salute l’ho persa.

Condividi su:

One thought on “Cinzia, 35 anni: “Non so più dove sbattere la testa. Dopo la prima dose, la salute l’ho persa”

  1. hai ascoltato una campana sola? hai compreso perché gente EROICA E’ RIMASTA SENZA STIPENDIO, SENZA MANGIARE, SENZA CASA? HAI COMPREESOOO??????

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.