Castelli: “La Nato vuole mettere i missili a 500 km da Mosca e la Russia non deve reagire?” (VIDEO)

Condividi su:

L’ex ministro Castelli impartisce l’ennesima lezione di storia e di geopolitica a Myrta Merlino, rinfrescandole un po’ la memoria: “Nel 1962 Kennedy arrivò sulla soglia della guerra nucleare perché la Russia voleva i missili a 1.800 km da Washington (cioè a Cuba) e tutti lo applaudirono. Ora gli Usa e la Nato vogliono l’Ucraina nella Nato e mettere così i missili a 500 km da Mosca, ma la Russia secondo voi non deve reagire“.

Condividi su:

7 thoughts on “Castelli: “La Nato vuole mettere i missili a 500 km da Mosca e la Russia non deve reagire?” (VIDEO)

  1. Myrta Merlino NON ha più la faccia strafottente che aveva prima. NON RIDACCHIA come al solito, ha paura della guerra nucleare?

      1. La sensazione è che è uno dei pochissimi della lega che si salva, e lo dimostra il fatto che abbia lasciato la politica dal 2013.
        Da; wikipedia;
        Castelli
        ……..
        “Proposta di inserimento della croce nella bandiera italiana
        A seguito del referendum svizzero sulla costruzione di minareti, Castelli ha dichiarato come «ancora una volta dagli svizzeri ci viene una lezione di civiltà. Il messaggio, che arriva soprattutto a noi che viviamo vicini a questa terra, è forte. Occorre un segnale forte per battere l’ideologia massonica e filoislamica che purtroppo attraversa anche le forze alleate della Lega». «Credo che la Lega Nord possa e debba nel prossimo disegno di legge di riforma costituzionale chiedere l’inserimento della croce nella bandiera italiana».[27]

        La proposta è stata liquidata dal Ministro della difesa Ignazio La Russa come «battuta propagandistica», mentre il Ministro degli esteri Franco Frattini, più possibilista, l’ha definita «suggestiva».[28]

        Nel settembre del 2013 si dimette dalla carica di Consigliere Comunale di Lecco e annuncia il suo “addio alla politica attiva”[30].

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.