Capitano Ultimo asfalta Murgia: “Le divise ricordano il sangue versato per il Paese”

Condividi!

Il generale Leonardo Tricarico, ex Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica militare. Dà dell’”incolta” alla scrittrice: “Preoccuparsi per una uniforme in plancia di comando fa parte dell’incultura della difesa, purtroppo dominante in Italia”. Tra l’altro il generale dice di non conoscere Michela Murgia: “Conosco purtroppo il suo partito, di cui lei è certamente portabandiera ed emblema: una congenie di antropofagi e parricidi che non fanno che sbranarsi gli uni con gli altri appena qualcuno emerge. Oggi questo partito è quello che più di ogni altro porta la responsabilità della condizione disastrosa in cui versa il Paese”. Lo riporta il Secolo d’Italia.

Rita Dalla Chiesa che è stata una delle prime ad intervenire nei giorni scorsi ritorna ancora sull’intervista della Murgia: “Raramente sono così dura, cerco di pesare ogni parola che dico. Su questa signora, ho perso la pazienza. Non posso accettare di pensare che uomini in divisa siano visti come persone che ‘fanno paura’; dei portatori di dittatura, mentre in realtà io li vedo – e non perché sia vissuta nelle caserme ma come cittadina – come persone pronte a proteggere il cittadino”.

“Rispetto le idee di tutti, ma a me le divise ricordano il sangue versato per questo Paese. E dal sangue di quelle divise è nata questa Repubblica: questa Costituzione, che difenderemo fino alla fine”. A dirlo all’AdnKronos, replicando alle affermazioni di Michela Murgia, è il colonnello Sergio De Caprio, alias ‘Capitano Ultimo’. La Murgia dovrebbe sotterrarsi.

Condividi!

3 thoughts on “Capitano Ultimo asfalta Murgia: “Le divise ricordano il sangue versato per il Paese”

  1. La Murgia mi fa schifo, ma dire che le divise hanno fatto la Costituzione è una falsità clamorosa. Oggi poi le divise si stanno dimostrando non solo spergiure, avendo giurato sulla Costituzione, ma nemiche dei cittadini, che opprimono in ogni modo possibile

  2. Personalmente non ci spendo mezza parola per come la vedo io nei confronti dei politici e della politica che in questo periodo e particolare momento rappresenta il nulla del nulla.
    La divisa militare è l’unico e forse l’unico baluardo che ci rappresenta un gradino sopra a questo nulla.
    L’articolo 21 gli e ci consente di dire in libertà il suo pensiero, ma al di sopra di questo esiste educazione nei confronti di u popolo.

  3. Ma perché questo articolo di donna, oltretutto anche bruttina, non la mandate in cucina a pelar patate a calci in c****? Per quanto riguarda le divise ci sarebbe da fare un discorso troppo lungo non dimenticando che sono i servi di uno stato che ci sta coattivamente mettendo alla fame e loro, i servi in divisa, non battono ciglio su questo, anzi se devono menare menano anche su quelli che dovrebbero difendere.

Rispondi a Tino Gianbattista Colombo Annulla risposta

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: