Brescia, studente 30enne di Medicina ucciso in casa da un aneurisma cerebrale

Condividi su:

BRESCIA — Giovane sportivo 30enne, studente di medicina, stroncato improvvisamente da un aneurisma cerebrale. Si è sentito male in casa, svenuto: rianimato dai sanitari e trasferito d’urgenza in ospedale, è stato operato due volte per un aneurisma cerebrale che purtroppo non gli ha lasciato scampo. E’ morto così, a soli 30 anni, lo studente Francesco Pivotto.

Francesco Pivotto fino a qualche anno fa aveva indossato la casacca dalla Brixia Atletica, poi si era dedicato allo studio. Infatti frequentava la facoltà di Medicina all’Università di Brescia. Nessuna Correlazione. Lo ha riportato Brescia Today.

Condividi su:

9 thoughts on “Brescia, studente 30enne di Medicina ucciso in casa da un aneurisma cerebrale

  1. Studente di merdacina di oggi !
    hanno rovinato la scienza con i finaziamenti alla ricerca e lo studio !
    Cosi le multinazionali del farmaco controllano gli studenti e li indirizzano verso ricerche sbagliate , inutili e senza fine.
    Chiunque voglia laurearsi e lavorare deve assogettarsi al pensiero unico !
    Ma muoiono anche loro per le porcherie che hanno approvato e messo in pratica !
    Basta pensare che uccidono milioni di persone con la chemio , quando si sa che come e scritto nei testi antichi ” curerete i tumori con gli alcali ”
    Ovvero con prodotti che costano pochissimo, facili da reperire e da usare , ma che non danno grandi profitti !

    1. Guarda che i medici che ti dovrebbero impiantare un feto della clinica sono tutti vaccinate e parte del sistema.
      Smettila di fingerti parte della resistenza.

  2. DIFFILE POTERSI FIDARE DI NUOVO DEI MEDICI … DOVREMO FARE DA SOLI, O CERCARE QUEI POCHI ONESTI CHE NON HANNO ACCETTATO IL VILE RICATTO.

    Che Dio faccia presto giustizia su chi ha organizzato questa pandemia.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.