Brasile, giornalista colpito da infarto in diretta tv: aveva fatto la terza dose da pochi giorni

Condividi su:

Il giornalista e conduttore brasiliano Rafael Silva ha avuto un infarto in diretta tv: pochi giorni prima aveva fatto la terza dose di vaccino Covid. Ecco il video del momento in cui si è sentito male ed è caduto a terra davanti alle telecamere. Silva stava presentando su TV Alterosa le notizie del giorno quando improvvisamente ha avuto un infarto. Il giornalista è stato portato all’Ospedale Humanitas a Varginha nel Minas Gerais.

Rafael Silva è giovane, ha 36 anni ed è brasiliano. Come si vede dal suo profilo social, lo scorso 28 dicembre ha ricevuto la terza dose di vaccino Covid. “Viva la terza dose. Mi dispiace per le persone che non hanno avuto questa opportunità. I vaccini salvano la vita“, aveva commentato quel giorno su Twitter. Però, dopo il suo infarto in diretta, i più svegli pensano a una possibile correlazione tra la somministrazione del farmaco e l’infarto in diretta del giornalista.

Invece, secondo i medici intervistati dalla rete televisiva brasiliana per cui lavora il giornalista 36enne, non ci sarebbe alcuna correlazione tra il malore del giornalista e la somministrazione del farmaco. “Secondo gli specialisti – ha spiegato il portavoce di Tv Alterosa – la relazione con il vaccino è già stata scartata. Il sospetto, secondo il medico che lo sta curando, è che Rafael abbia una cardiopatia congenita. In altre parole, è genetica”. Lo riporta il Giornale d’Italia.

Condividi su:

2 thoughts on “Brasile, giornalista colpito da infarto in diretta tv: aveva fatto la terza dose da pochi giorni

  1. Bravo! Già che ci sei completa pure l’opera: dopo l’infarto con la terza dose, fatti fare la quarta e vedrai che vita lunga e felice ti resterà…

  2. Quanti imbecilli abbiamo anche qui… il detto il tempo è galantuomo… ne vedremo molti imbecilli che se ne andranno e nn lo avranno nemmeno capito.
    Gli unici che mi dispiace, sono coloro che ben saperndo ma per campare e per la famiglia lo devono fare.
    Ovviamente la religione sta zitta… esluso pochi.

Rispondi a Pippo. Annulla risposta

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.