Boldrini vuole 150mila euro da Salvini: “Per colpa sua ho rischiato lo stupro e la morte”

Condividi!

Laura Boldrini chiede 150mila euro a Matteo Salvini come “risarcimento danni per le presunte offese rivoltele e il clima d’odio nei suoi confronti innescato dalle dichiarazioni pubbliche del leader”. La causa contro Salvini, con il quale si è spesso confrontato anche in tv, “nasce dal fatto che per anni il leader leghista ha associato il mio nome a quello dei criminali imputando a me la responsabilità di crimini commessi da migranti. Io ho la fedina penale intonsa, non ho nulla in comune con i criminali e questa operazione è stata molto dannosa per me e la mia reputazione”. È quanto riporta il Secolo d’Italia.

L’ex ministro dell’Interno, rimarca la parlamentare dem, “ha alterato il mio pensiero in materia di immigrazione attribuendomi affermazioni che non ho mai fatto: ad esempio, che voglio l’invasione dell’Italia, una immigrazione incontrollata, la sostituzione etnica. Tutte follie, attribuitemi per danneggiarmi. Allora ho deciso che bisognava intervenire”. “La sua narrazione mi ha gravemente danneggiata e questo ha impattato sulla mia sicurezza, tra minacce di morte e di stupro. Quella di Salvini non è stata certo una operazione goliardica”, conclude.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.