Biella, OSS muore dopo il vaccino per un malore improvviso: aveva soltanto 42 anni

Condividi su:

Un malore improvviso l’ha strappata alla vita. Silvia Simonini non ce l’ha fatta, è deceduta a soli 42 anni per cause ancora da accertare. Lavorava come Operatrice Socio Sanitaria a Occhieppo Inferiore (Biella) presso la RSA della Fondazione “Cerino Zegna”. “La morte non è ciò che pensiamo. La morte è la lontananza da Dio e noi oggi sappiamo che Silvia non è morta. Il funerale è solo un passaggio” – con queste parole il parroco di Masserano, cittadina di origine di Silvia, ha voluto ricordare la donna scomparsa. Era una operatrice socio-sanitaria molto amata e apprezzata per la sua professionalità.

“Quando è stata portata al Pronto Soccorso era ancora cosciente tanto che non ha nemmeno voluto chiamare i suoi genitori per non allarmarli” – hanno riferito ai giornali i suoi colleghi di lavoro. Qualche ora più tardi l’improvviso peggiorare delle sue condizioni cliniche e la dipartita.“Spiace sempre quando manca qualcuno, ma questo è un duro colpo per tutti noi. Già questa mattina tutti chiedevano di lei, perché oggi avrebbe dovuto essere di turno: era tanto affezionata agli ospiti e loro erano legati a lei. Anche noi lo eravamo, faceva parte della nostra famiglia da ormai 8 anni” – concludono i colleghi. NewsBiella.it

Condividi su:

3 thoughts on “Biella, OSS muore dopo il vaccino per un malore improvviso: aveva soltanto 42 anni

  1. Commentare le parole del sacerdote è molto difficile, sapendo che è morta dopo essersi vaccinata per il Covid 19.

  2. A parte le giuste condoglianze alla famiglia, mi stupisco sempre che in un mondo di informazioni, si prendono tutto come oro colato ciò che i media e i politici raccontano.

Rispondi a Orazio Annulla risposta

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.