Biella, cittadini in coda per denunciare Draghi: sta violando l’articolo 610 del Codice Penale

Condividi su:

Diversi cittadini biellesi del gruppo «Articolo 3» (chiaro il riferimento alla Costituzione) si sono dati appuntamento fuori dalla caserma dei carabinieri di via Fratelli Rosselli e messi in coda per poi presentare ognuno una denuncia nei confronti del presidente del consiglio Mario Draghi. A preparare per tutti la querela già prestampata un avvocato di Genova. Draghi sarebbe accusato sulla base dell’articolo 610 del codice penale che recita «chiunque, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa è punito con la reclusione fino a quattro anni».

Il tutto riferito ai vari decreti liberticidi che non servono a evitare la diffusione del coronavirus. Un’azione dimostrativa organizzata dal gruppo biellese, il cui nome si confonde tra le decine di altri simili proliferati sul web, organizzata non a caso in questi giorni perché, come spiegano i promotori via social, «dal 20 non si potrà più agire in giudizio per la propria tutela personale, in quanto per potervi accedere bisognerà esibire l’infame tessera verde». […] Così www.lastampa.it.

Condividi su:

11 thoughts on “Biella, cittadini in coda per denunciare Draghi: sta violando l’articolo 610 del Codice Penale

  1. Sono MANIFESTAZIONI,queste,che andrebbero adottate da molti cittadini. Purtroppo , nell’immediato, possono servire solo come “monito”, per il P d C, ma mi auspico che al momento giusto apportino il loro peso ai tanti capi d’accusa di cui Draghi sarà sommerso nella giusta Sede.
    Draghi DEVE rispondere delle più criminali e bieche azioni che hanno devastato il paese , in modo continuativo e reiterato, da anni !!!!
    Ha ingenerato il terrore, l’odio, la corsa al Suicidio camuffandolo da Salvezza!! Ha COSCIENTEMENTE realizzato il proponimento Fabiano di DEPOPOLAMENTO di una Nazione , e tutti e tutto ciò che ha composto l’entourage che lo ha Appoggiato, Caldeggiato,ATTUATO ogni più piccola “regola”ANTIcostituzionale da lui imposta, deve seguire la sua sorte.
    Nessuno dovrà sfuggire all’accusa di Complicità in STRAGE , ed è mio personale auspicio che i GIUDICANTI deroghino sulla posizione contraria alla Pena di Morte sostenuta da sempre dalla Società Civile , per infliggere ad ogni attore Istituzionale che si è prestato o obbedito o raccomandato le follie a cui stiamo assistendo ( e subendo) con dolore.
    Pena di Morte per TUTTI. Ma solo dopo un sufficiente periodo detentivo durante il quale si cerchi di operare un cambiamento di personalità su di loro , con l’ausilio di antiche tecniche adottate dai manicomi quali elettrochoc, immersioni nel ghiaccio, overdose di farmaci devastanti.. e quant’altro io non so.
    Questo viene necessario fare per dare loro la Possibilità di comprendere e Provare Pentimento.
    Perché si salvino l’Anima.
    Una piccola bugia da parte nostra, sia concessa, perché è chiaro al mondo che questi, un’ANIMA, non ce l’hanno.

    1. Appunto , giustizia è denunciare e processare (s)governanti Sostanzialmente Abusivi sotto vari aspetti…

    1. Gli italiani si meritano questo ed altro, al posto del rettile io avrei fatto di peggio data la quantità di bestiame da macellare

      1. Essendo tu itaGliano, potrebbero iniziare a macellare te, per ora….

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.