Bambina di 5 anni muore nel sonno 8 giorni dopo la prima dose Pfizer: arresto cardiaco

Condividi su:

BRASILE – Helena de Marco Lavalle ha assunto la prima dose del vaccino Pfizer il 18 febbraio 2022 ma 8 giorni dopo è morta nel sonno. Dopo aver ricevuto la prima dose di Pfizer, stava bene, mangiava e non aveva febbre, ma dopo 8 giorni non si è più svegliata. La disperazione del padre: ”Oggi viviamo con tanta difficoltà e con tanto dolore. Chi non ha un perso un figlio in questo modo, non può mai immaginare il dolore che si prova. Quando incontrerai una persona che ha perso un figlio, guardala dritta negli occhi e vedrai una punta di tristezza, un cuore che rimarrà eternamente ferito, un petto che avrà sempre un vuoto. Niente e nessuno rimpiazzerà mai questo vuoto, guarirà questo cuore. Ci sarà sempre una mancanza, un dolore, un vuoto. Sempre”.

“Domani saranno 3 settimane dalla scomparsa della nostra piccola Helena. Il 18 febbraio, esattamente un mese fa Helena prendeva il suo vaccino Pfizer, il 25 dello stesso mese è andata a dormire ma non si è più svegliata. Una giornata orribile, triste. Pensate bene prima di portare vostro figlio a fare questa mer*a. Ho cercato di essere per lei il miglior padre, il migliore amico e il miglior esempio, ho cercato di essere quell’eroe che rimane custodito per sempre nei ricordi. Oggi però non so nemmeno più chi sono”. Fonte: FB

Condividi su:

5 thoughts on “Bambina di 5 anni muore nel sonno 8 giorni dopo la prima dose Pfizer: arresto cardiaco

  1. Che tristezza. E che rabbia! Questi sono crimini e non possono restare impuniti, qualsiasi accordo di liberazione dalle responsabiita’ sia stato siglato con le case farmaceutiche. Sapevano che i loro prodotti sono letali e devono pagare assieme a quei politici, medici e giornalisti che hanno propagandato a spada tratta questa roba come necessaria e sicura, arrivando a ricattare la gente e perfino i bimbi.

  2. Non è possibile, infatti, CHE GENTE COMUNE, solo perché è riuscita chissà come a ottenere una laurea in medicina, senza sapere poi quanta ne abbia appresa di VERA SCIENZA nelle varie branche di specializzazioni, possa decidere sulla vita della gente e stabilire come e quando UCCIDERLA, senza mai esserne responsabile perché stupidamente gli è stato concesso un ASSURDO scudo protettivo.
    Sulla vita delle persone, NESSUNO può essere esente da responsabilità quando per cause discendenti da SCELLERATI QUANTO CRIMINALI interventi, si manifestino danni e finanche la morte.
    Questi “bravi professionisti”, che si sono arrogati diritti di SANITÀ MONDIALE, sono di fatto, potenziali criminali autorizzati a uccidere, e possono farlo quando e come vogliono, anche organizzando false pandemie come questa del covid-19, e produrre in genocidi, una quantità inconcepibile di quotidiane morti, come stanno facendo.
    È una sorta di mafia in sostanza, LA MAFIA BIANCA, UN’ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE!
    Mi ricordo a proposito, di aver visto un “bel film” nel 1973, circa 49 anni or sono: “BISTURI, LA MAFIA BIANCA”, con i due colossi del cinema dell’epoca come Gabriele Ferzetti ed Enrico Maria Salerno, che è possibile vedere su YouTube a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=iZwpiRru6Yg – e che consiglio vivamente poiché nonostante i suoi 49 anni, è assolutamente una denuncia di come davvero si agisce in quei luoghi di potere anche ai nostri tempi.
    Bisogna, a parer mio, assolutamente revocare quindi, quello scudo penale, QUELLA LICENZA DI UCCIDERE INSOMMA, perché rendendo RESPONSABILI chi produce morte o qualsiasi danno a chicchessia, ci penserà almeno due volte prima di mettere in atti le loro scellerate criminalità.
    Oppure, come sarà giusto, finirà in GALERA!

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.