Azzolina è fuori dal Parlamento: “Non sono stata rieletta per colpa dell’astensione”

Condividi su:

Il Secolo d’Italia – È il giorno dell’addio, per l’ex grillina. Si era candidata per la Camera nel collegio uninominale di Siracusa, in tre collegi plurinominali della Sicilia e nel collegio Piemonte 2 – 01. Da qualche parte pensava di spuntarla. Macché, s’è beccata una batosta enorme. Non è stata eletta ai plurinominali poiché la sua lista non ha superato lo sbarramento. E nemmeno all’uninominale, dove è arrivata terza. Quindi è fuori. I risultati, nel collegio, sono disastrosi. Giovanni Luca Cannata, per il centrodestra, ha ottenuto il 39,31% arrivando primo. Maria Concetta Di Pietro per i Cinquestelle ha avuto il 33.52%. Solo terza la Azzolina che ha rimediato un misero 17,71%, un vero tracollo.

Non fa autocritica, l’ex ministra, nemmeno di fronte a dati impetosi. Non ammette di aver sbagliato tanto. Anzi, troppo. O forse non si rende conto che gli italiani l’hanno sonoramente bocciata per come ha gestito l’Istruzione. L’immagine di quei banchi a rotelle gettati nell’immondizia perché inutili è la fotografia del suo operato. «Astensionismo ancora troppo alto», commenta l’ex ministra, prendendo una scorciatoia. «Una parte di quegli italiani che sono andati al voto hanno consegnato il Paese a una destra che dovrà dimostrare di saper governare uno dei momenti storici più difficili dal dopoguerra ad oggi. Noi abbiamo difeso i diritti dei cittadini e abbiamo parlato di progetti. […] Io ringrazio quanti mi hanno sostenuto con il loro voto. Sono stati tanti e mi hanno dimostrato tutto il loro sostegno giorno dopo giorno. Il vero senso della politica è il confronto e non mi sono mai tirata indietro». E, stando alle prime indiscrezioni, torna al lavoro scolastico.

Condividi su:

7 thoughts on “Azzolina è fuori dal Parlamento: “Non sono stata rieletta per colpa dell’astensione”

  1. Magari fosse merito dell’astensionismo, è solo che gli italioti hanno preferito votare altri criminali pensando che le cose cambieranno.
    L’astensione c’è stata ma deve aumentare di parecchio per fare la differenza e in questo paese ci sono troppi analfabeti col cervello fritto per capire che votare è inutile.

      1. L’astensione aumenterà di sicuro non appena gli italiani si svegliano e capiscono che chiunque votino l’Italia farà una brutta fine, e questo perché sono quasi tutti dei codardi egoisti lecca deretano del potere.

        I prossimi anni serviranno forse a far capire a milioni di persone cosa è davvero importante. Anche perché ne moriranno a milioni.

    1. mi diverto a leggere i tuoi post, guarda che se vanno a votare 100 persone quelli fanno il governo lo stesso e se non lo fanno con i voti lo fanno con la forza, ma stai fusa di cervello…studia la storia per capire come si è arrivati al voto e perchè, c’è morta la gente per farti votare

  2. Se non è stata rieletta è perché è una incapace buona a nulla. Se ne faccia una ragione. Qualcuno criticava tanto la Raggi ma sempre meglio di questa tizia dei banchi a rotelle… Una spesa completamente inutile… O forse pensava di essere Archimede, il personaggio di Topolino per caso? Per carità, pietà… E la Meloni che seguirà le orme di Draghi? Aiuto… Anche se sempre meglio del piddì demmerda…

  3. È stata la dimostrazione della tua enorme competenza che ti ha fregato….Faremo a meno di te e tanti altri senza nessun rimpianto……

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.