Attrice 32enne muore a New York stroncata da improvviso malore

Condividi su:

NEW YORK — La modella e attrice sudafricana Charlbi Dean è morta per un malore improvviso all’età di 32 anni. Lo riferisce Deadline spiegando che la star di «Triangle of Sadness» si è spenta a New York. Oltre a recitare nel film di Ruben Östlund, vincitore della Palma d’Oro a Cannes al fianco di Harris Dickinson e Woody Harrelson, Dean è apparsa in produzioni come «Spud», «Death Race 3: Inferno», «Blood in the Water» e «Don’t sleep». Lo riporta stamane il Mattino.

L’attrice era nata a Cape Town il 5 febbraio del 1990 e aveva debuttato al cinema nel 2010 in «Spud». «Triangle of Sadness» sarà proiettato al Toronto Film Festival del 2022 e al New York Film Festival del 2022 e uscirà nelle sale ad ottobre. Dean interpreta la modella Yaya, fidanzata di Carl, anche lui modello. I due vengono invitati gratis a partecipare a una lussuosa crociera nel Mediterraneo, in cambio della pubblicità social che possono offrire in qualità di influencer. Ma le cose non andranno per il verso giusto.

Condividi su:

2 thoughts on “Attrice 32enne muore a New York stroncata da improvviso malore

  1. Da quello che leggo su siti e blog americani la gente lì è anche più cretina degli italiani.
    Lì o sono fondamentalisti cristiani o fanatici della scienza. Farebbero vaccini per qualunque cosa, pure la cacarella. Un incubo senza fine insomma.
    Si stima che nei prossimi 3-5 anni moriranno oltre 100 milioni di americani.
    Sempre che Putin non affretti il processo…

  2. In realtà in America a quanto ho letto si sono fatti molto meno cacchinare rispetto agli italiani però boh. Forse avevano anche regole un po’ diverse e meno obblighi anticostituzionali e dittatoriali… Tuttavia ricordo anche qualcuno che tra i commenti su Facebook ha fatto vedere che un uomo con figli si era fatto cacchinare ed era morto di MALORE improvviso… Comunque cacchi loro… Odio chi ha smania di apparire e di esibizionismo… Anche Netflix aveva obbligato gli attori ai cacchini sperimentali ed era morto un ragazzino di soli 21 anni se non ricordo male… Non va bene obbligare chi non rischia nulla, ovvero giovani sani e già naturalmente immuni… Ma secondo me nella maggior parte dei casi vi è correlazione eccome tra inoculazioni di questi vaccini sperimentali covid-19 ed i decessi ma purtroppo non vogliono indagare… Comunque scusatemi, oggi non sono proprio in vena, mia madre e mia sorella sono pazze e vogliono trasferirsi in un paese morto e addirittura in campagna. Io sono davvero allibita e triste… Mia madre poi era quella che diceva: “non vivrei mai in campagna”. Non è normale… Quanto vorrei una famiglia normale e SANA di mente e non soltanto di salute. Che tristezza… Il nickname Arizona è per il deserto nel quale tra un po’ potrei andare a vivere… Rip. E non ho nemmeno una macchina né la patente… Che sfiga comunque…

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.