Ascoli, pasticciera muore in ospedale a soli 48 anni: colta da malore sette giorni prima

Condividi su:

ASCOLI PICENO – Un paese sotto choc. Comunanza è in lutto per la prematura scomparsa di Roberta Stortoni, la pasticciera del paese. Aveva soltanto 48 anni ed è morta ieri, all’ospedale Mazzoni di Ascoli, dove da qualche giorno era ricoverata a causa del peggiorare delle sue condizioni di salute, dopo il malore accusato appena una settimana fa. La donna, ovviamente, era molto conosciuta anche grazie all’attività che gestiva ed era benvoluta da tutti. Un anno fa dovette affrontare il dramma relativo alla morte del fratello, Marco Stortoni, deceduto a causa di un incidente durante un’escursione sul monte Vettore. Lo ha riportato ieri CentroPagina.it.

 Il funerale si svolgerà oggi pomeriggio alle 16 nella chiesa di Santa Caterina, a Comunanza. Toccante il ricordo, affidato ai social, da parte del suo compagno, Daniele. «Oggi, quando non c’eri già più, sono entrato nella stanza per guardare solo il tuo volto da lontano. Mentre ascoltavamo insieme per l’ultima volta la nostra canzone e piangevo le ultime lacrime che mi rimanevano, l’equipe medica che ti ha accompagnato con rispetto ed amore fino all’ultimo respiro mi ha chiesto cosa potesse fare per me. Ed io, a voi come a loro, chiedo la stessa cosa: Amate. Amate e basta».

Condividi su:

7 thoughts on “Ascoli, pasticciera muore in ospedale a soli 48 anni: colta da malore sette giorni prima

  1. Questi psicopatici non temono minimamente le conseguenze, metti il caso che il gregge si trasformi in branco, cosa vi accadrà?

    1. CI ASPETTANO TEMPI MOLTO DURI, COME AVVISA L’AVVOCATO TODD CALLENDER, UN EX-UFFICIALE, CHE QUINDI SA BENE CHE COSA SONO LE ARMI.

      Infatti, per evitare che il GREGGE si trasformi in BRANCO ora ci hanno servito la GUERRA…. perché sanno che ci sarà un sollevamento popolare quando la gente si sarà svegliata e avrà aperto gli occhi sui “vaccini”.

      Abbiamo studiato sui libri di Storia le atrocità commesse nel passato: ADESSO, ci tocca viverle sulla nostra pelle, purtroppo.

      TODD CALLENDER intervistato dall’avvocato Reiner Fuellmich:

      ————-> Min (3:31:26) “5G is like a butcher knife. It’s a dual-use item. You can use it to communicate, but at the same time you can you can use it to kill.”

      “IL 5G è come un COLTELLO DA MACELLAIO. È un oggetto che puoi usare in DUE modi. Puoi usarlo per COMUNICARE, ma allo stesso tempo puoi usarlo per UCCIDERE.

      https://datenarche.de/archive/datenarche/corona-ausschuss-sitzung-97-offene-geheimnisse/

    2. Gregge sono e gregge rimarranno, la massa si è sempre accodata alle iniziative, le idee e le azioni di pochi, nel bene e nel male.

  2. NOI CHE RESISTIAMO, DOBBIAMO LEGGERE ANCHE QUESTA NOTIZIA: —-> MICROPLASTICHE NEL SANGUE UMANO.

    “Nel primo studio rivoluzionari di questo tipo, pubblicato giovedì su Environment International, i ricercatori hanno trovato una “massa quantificabile” di particelle di plastica nei campioni di sangue di 17 su 22 – o l’80% – dei partecipanti volontari allo studio.”

    https://childrenshealthdefense.org/defender/microplastics-found-in-human-blood/

    1. “SECONDO LO STUDIO,

      I CAMPIONI DI SANGUE ANALIZZATI dai ricercatori contenevano QUATTRO POLIMERI ad alto volume di produzione: polietilene tereftalato (PET), polietilene (PE) e polimeri di stirene e poli-metilmetacrilato (PMMA).

      I ricercatori hanno anche analizzato i campioni per il polipropilene, ma hanno scoperto che questi valori erano “al di sotto dei limiti di quantificazione”.

      —-> Il PET è comunemente usato nei CONTENITORI PER ALIMENTI E BEVANDE, comprese le BOTTIGLIE D’ACQUA.
      —-> Il PE viene utilizzato negli IMBALLAGGI ALIMENTARI, nei sacchetti e nei film (come Saran Wrap),
      —-> Il PMMA, o acrilico, ha applicazioni nel corpo umano, compresi gli IMPIANTI DENTALI E OCULARI.

      ‘Il nostro studio è la prima dimostrazione che abbiamo PARTICELLE DI POLIMERI nel SANGUE: è un risultato rivoluzionario”, ha detto al Guardian il professor Dick Vethaak, uno degli autori dello studio. “Ma dobbiamo estendere la ricerca e aumentare le dimensioni del campione, il numero di polimeri valutati, ecc.’ ”

      https://childrenshealthdefense.org/defender/microplastics-found-in-human-blood/

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.