Arezzo, addio alla prof.ssa Marcella Luzzi stroncata in casa da un malore fatale

Condividi su:

AREZZO – È scomparsa ieri, 22 aprile, Marcella Luzzi, consigliera di minoranza a Monte San Savino nonché stimata professoressa in pensione di lettere al liceo classico di Arezzo. La notizia del decesso, avvenuto presso la sua abitazione, è arrivata nel tardo pomeriggio. La consigliera Luzzi recentemente aveva manifestato la propria volontà di mettersi a disposizione per la campagna elettorale che porterà la sua città al rinnovo del consiglio comunale. Cinque anni fa era stata lei la donna sulla quale avevano trovato sintesi le forze della lista civica “RinasciMonte” che l’avevano presentata come aspirante sindaca. Di seguito la fonte.

In quella occasione, come noto, il risultato premiò Margherita Scarpellini che il 37,52% delle preferenze riuscì a riconfermarsi alla guida del governo locale contro Bennati e Luzzi. La professoressa, 73 anni, nell’ottobre del 2021 era subentrata in consiglio provinciale in sostituzione di un consigliere dimissionario di centrodestra. Attualmente membro dell’assise savinese, era particolarmente attiva anche nel mondo dell’associazionismo locale. 

Condividi su:

11 thoughts on “Arezzo, addio alla prof.ssa Marcella Luzzi stroncata in casa da un malore fatale

  1. Si sarà sacrificata per il bene della scienzAh? Il pappagallo ripete come un beota quello che ripete il governo demmerda? Spiaze. No, spiace veramente che molti covidioti non capiscano, sembra quasi che abbiano un solo cervello e che abbiano subito una sorta di ipnosi di massa. Boh. Sarà anche la propaganda. Aiuto…

    1. a me non dispiace proprio: avevo già la forte sensazione che l’italico ovino fosse diffuso sul territorio; con ‘sta storia del covid sono usciti allo scoperto ma anche interrati

      1. Buona questa, i bovini sono usciti allo scoperto ma interrati subito dopo. Adios prof.ssa

  2. Sonno tutti attivi politicamente. Se si fermassero per un giorno, in silenzio, nella solitudine scoprirebbero che di loro l’umanità non ne vuole sapere.

  3. UN’ALTRA PERSONA PERICOLOSA che l’Esistenza ha ben procurato di togliere dall’UMANA circolazione!
    Una DEMAGOGA, sobillatrice, arruffapopoli, che nella degenerazione del momento epocale straordinario della democrazia, in un camuffato dibattito politico, ella sostituisce una propaganda esclusivamente lusingatrice delle aspirazioni sanitarie e sociali delle masse, all’unico scopo di mantenere PER SÉ, il livello di potere raggiunto.
    E COME LO FA?
    Semplice: la Prof propaganda – NELLA MASSIMA IGNORANZA – un’inoculazione DOVEROSA nei confronti DI SE STESSI E DEGLI ALTRI, senza avere le giuste e corrette conoscenze di DOVE VANNO AD APPRODARE QUESTI SUOI “VACCINI”.
    ORA però, lo sa!
    INFATTI, è M O R T A!

  4. Li hanno allevati nel convincimento di essere i SERVITORI dello Stato … e non hanno capito di esserne solo i SERVI.

  5. Ci sarebbe da scrivere fiumi di parole, i fatti parlano da soli, un altro politico in meno da mantenerne stipendiato per fare propaganda ai fatturati, chissà se privilegi e soldi se li portano dove vanno….

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.