Arcivescovo al popolo di Trieste: “Disobbedite e resistete ai vili ricatti del Governo Draghi”

Condividi su:

Mons. Carlo Maria Viganò al popolo di Trieste: “Carissimi amici, sto seguendo con viva apprensione la pacifica protesta che i portuali di Trieste hanno indetto da alcuni giorni contro l’illegittima norma che obbliga tutti i lavoratori a munirsi di un lasciapassare sanitario, ottenibile sottoponendosi all’inoculazione del siero genico sperimentale, sottoponendosi ogni 48 ore al tampone. Avete ormai compreso che il cosiddetto vaccino sia ancora in fase sperimentale; che non si conoscano gli effetti a lungo termine; da settimane si contano sempre più reazioni avverse e decessi; che l’Autorità sanitaria con la complicità dei media cerca di nascondere catalogandoli come malori improvvisi. Siamo tutti cavie, oggetto della sperimentazione di massa imposta dalle case farmaceutiche ai loro servi nelle istituzioni. Sapete parimenti che il vaccino non garantisce alcuna immunità, non protegge dal contagiare e dall’essere contagiati. E sapete pure che i tamponi hanno una attendibilità minima perché non sono stati pensati per essere utilizzati a scopo diagnostico”.

“Eppure, un dipendente non può lavorare, non può percepire lo stipendio, né avere i permessi di malattia e di maternità, se non accetta di sottoporsi a questo vile ricatto, con il quale si vuole costringervi a vaccinarvi o a dimostrare di non essere stati contagiati da un virus che nessun laboratorio ha ancora isolato ma solo sequenziato. E sfido chiunque a dimostrare il contrario. La violazione delle libertà naturali, dei diritti civili e costituzionali, del diritto alla libertà di parola e di pacifica manifestazione è divenuta strumento di coercizione e di ricatto da parte di un’Autorità civile che non tutela più la salute e il benessere dei cittadini, ma col pretesto della pandemia li vuole rendere schiavi” […]

[…] “Vi esorto a non cedere alla violenza, ma parimenti a non lasciarvi intimidire da governanti nominati dalle banche e dalle case farmaceutiche perché il loro potere dura finché c’è chi si lascia impaurire, chi obbedisce, chi piega il capo e sopporta in silenzio. Se ciascuno di voi, con fermezza e in modo pacifico, saprà resistere a questa intollerabile sopraffazione, questa grottesca farsa crollerà inesorabilmente, e con essa i figuranti e le comparse che la assecondano. La resistenza ad una autorità che abusa del proprio potere contro il fine per cui è stata costituita è non solo legittima, ma doverosa; come fu doverosa la lotta contro il totalitarismo e contro ogni forma di dittatura“. […]

Condividi su:

12 thoughts on “Arcivescovo al popolo di Trieste: “Disobbedite e resistete ai vili ricatti del Governo Draghi”

  1. Concordo pienamente ! Ripeto , io sono agnostico, ma quest’uomo che dice pane al pane e vino al vino , ha molto più diritto di altri a guidare il suo gregge … Francesco è un uomo potente , ma ho in mente sempre quella immagine di lui solo in piazza sotto la pioggia …. così è …SOLO , perchè i suoi amici e servi ( e padroni ) massoni sono una compagnia da cui non si può trarre nulla.

  2. Che differenza tra un VERO vescovo cristiano come Viganò, e uno FALSO come Bergoglio, il papa massone che ha ridotto il messaggio di Cristo alla filantropia e la Chiesa ad una onlus!

  3. Mi chiedo che cosa dicano i giornalisti di questa lettera di Mons. Viganò, avete trovato articoli in merito su SMS?

  4. A Roma (Liceo Ripetta) la polizia di Josip draghi mena pure i ragazzini minorenni. Dopo aver menato bambini, donne incinta e anziani nei giorni scorsi

  5. Non fidatevi dei preti: si intrufolano ovunque, giocano su tutti i tavoli, ma alla fine fregano sempre tutti! La storia ce lo insegna! Vediamo di non farci imbambolare da questo quà che è d’accordo con quelli là e poi fanno i loro giochini giochetti per essere sempre sul carro di chi vince! Vediamo di non farci fregare dai preti per l’ennesima volta!!!

    1. Si è una cosa che dicono i massoni, i sionisti e i sinistrorsi, che hanno le stesse identiche caratteristiche. Solo che sono tutti peggio dei preti. E sono storicamente nemici degli italiani, come e più dei preti. Il sionista, il massone e il sinistrato sono dei veri e propri campioni olimpici dell’imbroglio, oltre che del tradimento sistematico, della menzogna sfacciata, del triplo gioco. Eguagliati solo dai gesuiti, i quali, come molti massoni, fanno solo finta di esser cristiani e sono soltanto un sindacato del crimine, una mafia estremamente potente. Esattamente come la massoneria. Con cui sono strettamente collusi oltretutto. Non importa granchè Vigano, importa quello che dice. E quello che dice è vero. Non è necessario esser cristiani o altro per vedere che il male è di fronte a noi, e chi non lo vede è perchè era già deceduto ancor prima di nascere

  6. @Marco, il fenomeno massoneria a mio parere l’hai semplificato un po’ troppo: esiste un universo massoneria, ci sono tante obbedienze, tante logge e alcune di esse si limitano a fare puro esoterismo e non si occupano di questioni essoteriche o politiche. Ci sono poi logge che fanno politica, contravvenendo peraltro ad uno dei principi della massoneria, ma possono essere di destra o di sinistra, in base anche alle obbedienze di appartenenza. Coi preti invece la storia ci insegna che hanno sempre fatto crimini su crimini. Lo stesso Tacito li aveva definiti “I nemici del genere umano”. Ti ricordo che l’Italia, prima di conoscere la superstizione galilea, primeggiava nel mondo e l’Impero Romano ne è stata la più alta espressione. Se vuoi ti consiglio una lettura molto istruttiva di Julius Evola, “Imperialismo Pagano”. Leggi questo libro e vedrai che mi darai ragione!

    1. @ Valerio – Mi scusi, ma leggendo i suoi post, mi viene in mente il classico detto “indicare la luna, ma guardare il dito”. Qui il vero problema e’ questo Potere che sta demolendo non solo la democrazia, i diritti conquistati dai popoli col sangue in secoli di lotte, ma la vita stessa. E lei ci parla dei preti, dell’impero romano. Se Vigano’ non fosse un prete, lei commenterebbe i suoi appelli, le sue parole NEL MERITO? Ha piu’ importanza CHI dice le cose come stanno, o hanno maggiore rilevanza GLI ARGOMENTI? Io direi, questi ultimi.

  7. Ma basta guardarlo in faccia questo viganò: io non mi fiderei nemmeno a chiedergli che ore sono. E comunque rappresenta un’istituzione nefanda e solo per quello è squalificato in partenza.

    1. @Valerio

      PECCATO NON DARE RETTA AI SOPRAVVISSUTI ALL’OLOCAUSTO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE.

      Si tratta di un gruppo internazionale di medici, avvocati, giornalisti e appartenenti ad altre professioni che stanno cercando di far sentire la propria voce.
      Non sono tanti, perché i loro genitori, i loro nonni, sono stati quasi tutti trucidati nei campi di concentramento nazisti.

      QUANTE LILIANE SEGRE CI SONO IN ITALIA?

      Se vogliamo, possiamo dunque unirci a loro e sottoscrivere la loro lettera aperta: —> https://we-for-humanity.org/it/

Rispondi

© 2019-2021 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.