Andrea muore all’improvviso mentre fa colazione: aveva soltanto 34 anni

Condividi su:

ROVIGO — È morto mentre faceva colazione prima di recarsi al lavoro. Improvvisamente. La ferale notizia, alle prime ore di ieri mattina, della repentina morte del giovane Andrea Mancin di 34 anni di Rivà di Ariano nel Polesine (Rovigo), ha suscitato incredulità, sgomento e dolore in tutta la comunità arianese dove la famiglia è molto conosciuta e stimata. Lo ha riportato oggi il Messaggero.

La morte di un giovane senza alcun problema di salute, soprattutto quando avviene in circostanze misteriose e per motivi sconosciuti è ancora più sconcertante e ci si chiede: perché? Un infarto, un malore improvviso o qualcosa di diverso che ha privato Andrea di fare un solo lamento o di chiedere aiuto. È stata disposta l’autopsia, per quanto possa servire. Tanto dicono sempre nessuna o esclusa correlazione.

Condividi su:

3 thoughts on “Andrea muore all’improvviso mentre fa colazione: aveva soltanto 34 anni

  1. Tanti moriranno per rendersi conto che lo stato, con tanto di bandiere bordate d’oro che, in gergo militare vuol dire che lo stato è in guerra, lo hanno pure detto ed era visibile.

  2. Oppure non dicono proprio un cazzo e lo fanno passare come un evento del tutto normale e naturale. Poi sul sito biccy leggo della morte della drag di un programma, tale ‘Cherry Valentine’ di soli 28 anni, nome d’arte, arte di non si sa bene cosa… Perché truccarsi e scimmiottare la donna estremizzandola, (non siamo sosia della Ferruzzi, quelle sono soltanto alcune trans caricaturali), non mi sembra proprio un’arte… Io preferisco la bellezza naturale come quella di Andrea Nicole che è delicata e non è volgare. Ci sono trans e trans insomma. Bèh, comunque, per questa Valentine ciliegina 🍒 non svelano le cause della morte e qualcuno ha sparato l’ipotesi della droga. Nemmeno commento perché biccy è un blog covidiota e provaxcovid e quindi non mi stupisco della cosa, si dà il caso che sia anche apertamente schierato contro i cosiddetti novax… Fa ridere perché è un blog gay e quindi si presume contro le discriminazioni ma soltanto quelle che riguardano loro… IPOCRITI ed egoisti quindi… Con tutti i danneggiati e morti che ci sono stati con questi vaccini sperimentali covid-19 e addirittura con tre dosi inoculate… Nemmeno una avrebbero dovuto iniettarne, soprattutto ai giovani SANI e forti ma si sono venduti per denaro… Da me è morto pure gente giovanissimi… Ma ai covidioti non importa poiché sanno soltanto parlare (male) di novax e dei morti di covid-19 che in realtà sono morti di vecchiaia e di altre patologie… Erano persone deboli e non avevano un gruppo sanguigno immune… Come se a qualcuno importasse qualcosa della gente che fuma e muore di cancro, ecc, dai, suvvia… Basta IPOCRISIA… Non si conoscono le cause del decesso ma peccato che su Instagram il tizio in questione, tale ciliegia, un anno fa facesse proprio propaganda vaccinale sperimentale covid-19 facendo leva sulla paura, o per meglio dire ipocondria e blaterando su quanto fosse importante secondo lui farsi cacchinare… Ho visto la foto… Ha scritto una serie di cazzate sconclusionate in inglese, essendo dell’Inghilterra… Io l’inglese in passato l’ho studiato e quindi un po’ lo so… Ha anche ignorato apertamente l’immunità naturale ed eventuali effetti collaterali anche gravi dovuti ai vaccini sperimentali covid-19… Ha pagato questo errore a caro prezzo, con la sua vita, per non parlare dell’ingenuità che lo contraddistingueva… E una scema tra i commenti ha pure scritto che ha fatto la sua prima dose di Astrazeneca con eccitazione… Ridicola… Per loro è un gioco e non c’è in palio la loro vita… Quanto valore danno alla loro vita? Eppure ne abbiamo soltanto una e non si può tornare indietro… Chi di vaccino sperimentale ferisce, di vaccino sperimentale covid-19 perisce… Chissà quanti ne avrà fuorviati… È grave spingere delle persone magari pure già immuni a dei vaccini sperimentali… Si vede che non aveva proprio a cuore la loro salute… Sarà stato pagato per fare propaganda?

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.