Andrea Crisanti al Governo: “Togliere il Green Pass e basta con lo stato di emergenza”

Condividi su:

Andrea Crisanti, microbiologo in prima linea contro la pandemia è contrario alla certificazione verde: “Il green pass non è servito a fermare il contagio, ma è stato uno strumento surrettizio per spingere gli italiani a vaccinarsi”, dice al convegno “Diritti fondamentali e pandemia” all’Università Eur di Roma, introdotto dal rettore, padre Pedro Barrajon. Il tema è quello delle libertà che secondo i non vaccinati e i No Green Pass sarebbero state violate. I giuristi che intervengono mettono sotto accusa lo stato di emergenza. Lo ha scritto Libero Quotidiano.

“Abbiamo una cornice legislativa inadeguata davanti a una crisi che si sta cronicizzando – spiega Ida Nicotra, ordinario di diritto costituzionale a Catania -. Dovrebbe essere arrivato il momento di fare un passo in avanti per darci norme in grado di fronteggiare questa situazione”. “I vaccini sono stati e sono molto importanti”, sottolinea Crisanti, “e probabilmente hanno evitato una strage di proporzioni ancora più devastanti, ma l’errore è stato quello di dimenticare tutto il resto. E il Green Pass, che serve a poco o nulla, è stato utilizzato in modo surrettizio per costringere gli italiani a immunizzarsi. Inoltre, io sono contrario alla proroga dello stato di emergenza”.

Condividi su:

3 thoughts on “Andrea Crisanti al Governo: “Togliere il Green Pass e basta con lo stato di emergenza”

  1. Niente di Nuovo …!!! Lo diciamo a gran voce ovunque e a chiunque. NOI. Nessuna ovazione per questa trovata dell’ultimo minuto . E poi comunque, con tutto il suo dire prima tutto e poi il contrario di tutto, si è eretto la sua barricata personale macchiandosi strategicamente di inaffidabilità! Quindi qualsiasi cosa dica non sposta l’ago delle decisioni del Governo, e nemmeno la creduloloneria dei fanatici PROVAX.
    Quel che dice a questo punto vale meno di un pirito alla Vucceria.

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.