Ancona, carabiniere di 39 anni trovato morto in casa dalla moglie: malore improvviso

Condividi su:

ANCONA – Quando la moglie è rientrata a casa lo ha trovato riverso a terra, in bagno, ormai senza vita. Tragedia nella giornata di ieri a Sant’Angelo per la morte di un carabiniere di 39 anni, Arrigo Damadei. A dare la notizia quest’oggi il Corriere Adriatico.

La donna era uscita per fare la spesa ed al suo ritorno ha fatto la scoperta choc. Il 39enne, che ha una figlia di soli 4 anni, ad ottobre avrebbe compiuto 40 anni. Purtroppo i medici non hanno potuto fare altro che costatarne il decesso. Arrigo Damadei prestava servizio presso il comando di Ostra Vetere ed era originario di Chiaravalle.

Condividi su:

4 thoughts on “Ancona, carabiniere di 39 anni trovato morto in casa dalla moglie: malore improvviso

  1. quando capirete? quando sarete meno superficiali. Ma sarà troppo tardi. Sostituzione in corso, xenobot, robottini e intelligenza PSICOPATICA artificiale. Pace all’anima di quest’uomo che ora, in altra dimensione, forse vedrà il marciume di questo pianeta in mano al male assoluto.

    1. Se siamo in questa attuale situazione lo dobbiamo anche e soprattutto a questa bella gente, che per difendere i loro interessi hanno calpestato i diritti di coloro che continuano a pagarli. Nessuna pena, non la meritano.

      1. COME MAI NON SI SENTE PARLARE DI UN GIIUDICE ITALIANO CHE … RIFIUTA IL ” VACCINO”?
        ****************************************************************************************************************

        NEW YORK (AP) — “Un giudice della più alta corte di New York è stata deferita a una commissione disciplinare e potrebbe essere espulsa dal tribunale per NON aver rispettato

        LA NORMA che richiede la prova della “VACCINAZIONE” contro il COVID-19.

        Il giudice JENNY RIVERA, uno dei sette giuristi della Corte d’Appello dello Stato, è esclusa dalle strutture del tribunale e lavora a distanza da ottobre, hanno affermato i funzionari del tribunale. È una dei quattro giudici in tutto lo Stato che sono stati deferiti alla Commissione statale sulla condotta giudiziaria per non aver rispettato il mandato che si applica a tutto il personale del tribunale.

        La Corte d’Appello è l’equivalente di New York della Corte Suprema degli Stati Uniti.

        “Avevamo chiarito fin dall’inizio che qualsiasi giudice non in regola si sottopone a un rinvio alla Commissione sulla condotta giudiziaria per la sua determinazione”, ha affermato il portavoce dei tribunali Lucian Chalfen.

        Il sistema giudiziario statale di New York richiede che tutti i dipendenti siano vaccinati contro il COVID-19, una politica adottata lo scorso anno. Il 21 marzo, il sistema giudiziario statale ha notificato a 156 dipendenti del tribunale che non avevano soddisfatto la qualifica per l’impiego e che sarebbero stati licenziati se non avessero mostrato la prova della “vaccinazione” entro il 4 aprile.”

        https://twitter.com/mikesisak/status/1511774456192151561

Rispondi

© 2019-2022 Stopcensura.online | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.